Ambulanti e mercati rionali in piazza contro Bolkestein

Oggi manifestazione a piazza della Repubblica. Difficile fare la spesa. I commercianti dicono no alla messa a bando delle concessioni

mercati rionali contro il Campidoglio
mercati rionali contro il Campidoglio

Promettono di portare in piazza 20 mila persone. È il popolo dei commercianti contro la Bolkestein, direttiva europea che mette a bando le licenze commerciali e che oggi protesterà a piazza della Repubblica. Per l’occasione, i mercati rionali saranno chiusi e non vi si potrà fare la spesa.

Motore della protesta è l’Upvad, associazione che si è staccata da Confcommercio Roma, e che vuole che il governo approvi una normativa per escludere per sempre dalla Bolkestein il commercio ambulante. Il Milleprorighe ha concesso una sospensiva fino al 31 dicembre 2018, ma agli ambulanti di Roma questo non basta.

Solo nella Capitale, nel commercio ambulante, ci sono 12.500 imprese, che impegnano almeno tre persone ognuna. L’Upvad afferma che tutte questi lavoratori sono a rischio, se le concessioni di cui sono titolari fossero messe a bando.

Ci sarà anche l’associazione dei mercati settimanali di Roma, collegata a Cna commercio di Roma, presieduta da Giovanna Marchese. “Dò solidarietà e sostegno a questi operatori commerciali che si trovano di fronte al dilemma della messa a bando della loro postazione ogni 9-10 anni, i mercati rionali e balneari hanno fatto investimenti e questi andrebbero in fumo – afferma Marchese – A noi non interessano gruppi di licenza, e siano solidali con tutte le imprese familiari. Domani, in piazza ci sarà anche un rappresentante dei mercati rionali”.

“Questo Bolkestein (ex commissario europeo, ndr) ci ha rovinato la vita – dicono molti operatori dei mercati – Parla di cose che non conosce, e l’Italia non si deve omologare. Il nostro Parlamento ci metta una pezza, presto”.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna