Cassazione, cannabis light lecita e legge non vincola uso

Così la Cassazione interviene nuovamente sulla questione della "droga leggera"

Cannabis
Cannabis,

La liceità della vendita delle inflorescenze della canapa con una percentuale di THC entro lo 0,6% è “un corollario logico-giuridico” della liceità della coltivazione, permessa e promossa dalla legge 242 del 2016. Non va, quindi, considerata ai fini giuridici sostanza stupefacente soggetta alla legge sulle droghe: così la Cassazione interviene nuovamente sulla questione della cosiddetta cannabis light.

Con questa motivazione ha annullato un sequestro preventivo a carico di un ventottenne di Civitanova Marche.

“Risulta del tutto ovvio – scrive la Corte – che la commercializzazione sia consentita per i prodotti della canapa oggetto del sostegno” e, quanto alla loro finalità, la legge cita espressamente usi alimentari e cosmetici, ma il riferimento “non comporta che siano di per sé vietati altri usi non menzionati”, come il fumo.

Si tratta di una materia sulla quale la Corte si è di recente pronunciata nel senso opposto (nell’ambito di un maxisequestro a Forlì), con una sentenza nella quale ha precisato che la citata legge non ha affatto reso lecita la commercializzazione della marijuana e dell’hashish con basso principio attivo.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna