Contro l’inesorabile degrado un piano nazionale per la Capitale

Dal centro alla periferia, la scontentezza domina la città

La scontentezza, per usare una parola gentile, domina la Capitale. Chi abita o lavora in Centro  è sbalordito dagli improvvisati cambi di viabilità, mentre le promesse, ad esempio  di nuovi parcheggi, restano nel ‘’vento’’. Certo, poca cosa, di fronte al degrado volutamente dimenticato in cui sono gli abitanti delle periferie, che si sono ritrovati sabato scorso in piazza Santi Apostoli per protestare contro la sporcizia, l’illegalità e la prostituzione dilaganti.

Che dire poi della quotidianità dominata dal terribile rumore del traffico, dall’incontrollata invasione di pullman giganti, dalle voragini in cui si precipita ovunque, dai camion-wurstel che presidiano il Colosseo e altri monumenti,  nonché dai ‘’caldarrostari’’, dai tavolini selvaggi e dai menu su cartelloni-sandwich, che affollano vie e piazze storiche. Viene da chiedersi se siamo ancora nella cosiddetta ‘’città eterna’’. Mentre le metropoli del resto del mondo corrono verso uno sviluppo sempre più ‘’smart’’, la ‘’vecchia’’ Roma, vive una irrefrenabile autodistruzione e forse mai la sua amministrazione ha avuto una tale perdita ‘’credibilità’’ . 

Come scrive su ‘’Il Venerdi’’ l’autorevole firma, Alberto Statera, una città afflitta da problemi inesorabili di ogni genere ‘’ avrebbe bisogno di interventi drastici, di un vero piano nazionale per la Capitale d’Italia’’. Al punto in cui il malessere di Roma è giunto, non basta infatti colpevolizzare il sindaco  Ignazio Marino. E’ ora che il Governo, e lo stesso Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, si prenda a cuore la gestione di Roma, concertando con l’amministrazione della città un piano che realizzi in fretta i servizi e offra le opportunità di una grande metropoli. E alla vigilia dell’Expo, che celebrerà Milano,  lo spettacolo dell’abbandono in cui versa la Capitale,  non è soltanto un’umiliazione per i romani, ma certamente una grande delusione per i turisti.  (cls)
 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna