Metro B, Codacons: indagare su sistemi di sicurezza

Dopo l’incidente avvenuto ieri presso la stazione Termini, dove una donna è rimasta incastrata con i sacchetti della spesa tra le porte ed è stata trascinata per diversi metri

“Una indagine a 360° sulla sicurezza dei convogli in circolazione sulla linea B della metropolitana romana”. A chiederla – riferisce una nota – il Codacons, dopo l’incidente avvenuto ieri presso la stazione Termini, dove una donna è rimasta incastrata con i sacchetti della spesa tra le porte ed è stata trascinata per diversi metri.

“Il treno non sarebbe dovuto ripartire con le porte non correttamente chiuse – afferma il presidente Carlo Rienzi – Ci chiediamo come si sia potuto verificare un incidente così grave nonostante i sistemi di sicurezza installati sulle vetture che dovrebbero evitare proprio tali situazioni. Dalle testimonianze di alcuni passeggeri, inoltre, sembrerebbe che i freni di emergenza ubicati nei vagoni non abbiano funzionato a dovere, circostanza che, se confermata, aggraverebbe la situazione”.

Per tale motivo il Codacons con un esposto chiede oggi alla Procura di Roma “di indagare a tutto tondo sui sistemi di sicurezza a tutela dei passeggeri installati sui vagoni della metro B, e verificare se vi siano state omissioni o carenze da parte dell’Atac e dei soggetti istituzionalmente obbligati a garantire la sicurezza dei trasporti pubblici romani”

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna