Ponte Milvio, una settimana di passione

Al via al cantiere per la tangenziale: il viadotto è in pessime condizioni

Manuela Pelati per Il Corriere Roma

 

I lavori per la manutenzione di strade, ponti e viadotti sono finalmente al via, ma promettono anche disagi. Come in via degli Orti della Farnesina: dove sotto al viadotto della Tangenziale, devastato dalle infiltrazioni d’acqua con pezzi di calcinacci pericolanti e ferri sporgenti, sono in vigore il senso unico alternato e il divieto di sosta dal 23 marzo. «L’intervento per il copriferro che si è staccato sarà rapido: una settimana e si rimette a posto» dicono dal Simu (Dipartimento Lavori Pubblici) rassicurando sul fatto che «non c’è nessun problema di staticità». Ma i lavori, del valore di 40 mila euro, sono già in ritardo: «Partiranno non prima di mercoledì 29», dicono i tecnici. E i disagi si aggiungono alla chiusura al traffico del tratto iniziale di via della Farnesina, paralizzata da caos e transenne dallo scorso 24 settembre per il crollo della palazzina al civico 3, che le ruspe hanno demolito a gennaio. Attorno alla piazza colpita da deviazioni dei bus, ingorghi e transenne che costringono le persone a passare anche dentro la parrocchia Gran Madre di Dio, il traffico è impazzito ormai da mesi.

 
Gli interventi sulle strutture definite «opere d’ingegno» come ponti e viadotti sono compresi nel piano semestrale del Simu che interessa un totale di 550 lavori in tutta Roma. Gli altri due cantieri di apertura imminente sono all’Eur dove c’è da mesi il restringimento della carreggiata sul laghetto e l’altro a Tor di Quinto sul ponte che attraversa il Tevere. Gli investimenti irrisori per la manutenzione che affronta il primo semestre 2017, saranno aumentati di altri 5 milioni di euro per il resto dell’anno. E anche se la giunta Raggi sottolinea la trasparenza per le gare e la mancanza di affidamenti diretti in urgenza – che in ogni caso sono obbligatorie dopo il nuovo codice dell’Anac – , i fondi stanziati sono pochi e insufficienti. Sono gli stessi del 2016 quando «per fortuna abbiamo avuto un aiuto dal Giubileo», aveva commentato l’ingegner Roberto Botta, responsabile del Simu del Dipartimento Lavori Pubblici, durante la presentazione a dicembre del piano triennale in commissione Bilancio. E oltre a ponti e viadotti l’apertura dei cantieri interessa le strade.
 

«L’investimento per affrontare il problema delle buche stradali è di 85 milioni di euro», ha dichiarato Virginia Raggi giovedì scorso. I soldi riguardano il piano triennale 2017-2019: per quest’anno i soldi sono circa 27 milioni. E sono di pertinenza della grande viabilità che compete al Campidoglio: 850 chilometri dove, dal centro alla periferia, c’è in media una buca ogni 15 metri, secondo la stima del Codacons. E se per rifare la soletta di tre centimetri due settimane fa in via Donatello ci sono voluti 40mila euro per quattrocento metri di strada, per riasfaltare tutte le strade di Roma servirebbe (stima approssimativa). un miliardo di euro. «Alcuni cantieri sono stati già chiusi, come quelli di Via di Acquafredda, via della Pisana, via della Magliana e su un primo tratto di via Appia. Sono in corso i lavori su via Erminio Spalla, via del Tintoretto, via di Boccea e sono attive le squadre di pronto intervento che operano sulla grande viabilità», ha detto la sindaca. Promettendo: «Non mettiamo toppe. Mettiamo invece a sistema le attività di manutenzione con un programma di cui è responsabile una task force creata in Campidoglio».

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna