Roma Tpl, in arrivo 14 milioni all’azienda

Consiglio straordinario nel pomeriggio. Indiscrezione di Coppini (SULCT) a Radiocolonna: messi sul piatto 14 milioni

Un consiglio straordinario in Campidoglio su Roma Tpl e un’indiscrezione: il Comune di Roma, alla fine, verserà all’azienda 14 milioni di euro.

La convocazione pomeridiana – voluta dalle opposizioni a Virginia Raggi – servirà per spiegare mosse che ha in mente la maggioranza sul caso di Roma Tpl. Una parte dei lavoratori dell’azienda che copre molte linee della Capitale – il 25%, quasi tutte periferiche – non riceve lo stipendio da mesi. L’appuntamento politico di oggi pomeriggio farà chiarezza sul loro futuro e su quello dell’azienda.

“ Dovrebbero sbloccarsi tutte le questioni burocratiche attorno al DURC – spiega Renzo Coppini, segretario SULTC, a Radiocolonna – un passaggio fondamentale per poi procedere al pagamento dei lavoratori”. Il segretario romano del Sincadato Unitario Lavoratori fa riferimento allo sblocco della situazione dopo l’ottenimento della verifica dei contributi (il DURC appunto). Un labirinto di responsabilità che in passato ha portato Equitalia – visti i debiti dell’azienda verso i fornitori – a bloccare il passaggio dei soldi dal Campidoglio ai lavoratori.

“Povrebbero essere 14 i milioni da distribuire poi ai lavoratori – prosegue il sindacalista –  soldi che andrebbero dati non direttamente ai dipendenti ma all’azienda”.

Una precisazione necessaria, visto che s’era immaginato – in questi giorni – che il Comune di Roma pagasse direttamente i lavoratori, bypassando l’azienda.

Una soluzione che non sarebbe dispiaciuta all’assessora alla Mobilità Linda Meleo, che spesso ha lamentato una resistenza dell’azienda nel fornire i dati.

Un’ipotesi che sarebbe stata realizzabile grazie a un accordo del 2015 tra l’allora commissario Francesco Paolo Tronca e i sindacati. Un patto che prevedeva l’acquisizione, da parte di Roma Capitale, dei poteri sostitutivi nella partita di Roma Tpl.

L’atmosfera in consiglio si prevede calda. Lavoratori, opposizioni e sindacati, uniti nel chiedere chiarezza alla maggioranza sul futuro di Roma Tpl. Obiettivo: evitare che si ripeta un caso-Roma Multiservizi, con il presidente dell’Assemblea Marcello De Vito che ha espulso dall’Aula 26 dipendenti che hanno anche ricevuto un DASPO. Un episodio che il M5S vorrebbe evitare per scongiurare l’immagine di una maggioranza lontana – e ostile – a un gruppo di lavoratori in difficoltà.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna