“Tavolino selvaggio” prosegue indisturbato

Sanzioni troppo basse, regole che nessuno fa rispettare, canoni ridicoli: così si lascia il centro storico in balia dei tavolini

Problema: se per legge bisogna lasciare 4,5 metri di spazio calpestabile tra i tavolini e la strada, in modo da consentire a macchine e pedoni di passare agevolmente, che cosa c’è di sbagliato nella foto qui sotto?

 

Una Volkswagen Golf (nessuna pubblicità occulta, ci mancherebbe) è larga 1790 mm (fonte sito Volkswagen). Eccediamo e immaginiamo che la Golf, con gli specchietti fuori, sia larga all’incirca 2 metri. Dalla foto qui sopra si vede chiaramente che lo spazio lasciato a disposizione dei veicoli e dei pedoni è di poco superiore alla larghezza dell’automobile, cioè circa la metà di quanto prescritto dalla legge. Il video chiarisce ancora meglio come la situazione sia ormai sfuggita al controllo delle autorità.

 

 

La cosa divertente è cercare di capire a quanto ammontino i canoni per tavolino nel centro storico e le sanzioni che eventualmente vengono elevati in caso di occupazione abusiva del suolo pubblico. Partiamo dal fondo: per le occupazioni abusive si applica un’indennità pari al canone maggiorato del 50%. Il quale canone è l’incredibile cifra di 78 centesimi al giorno a tavolino, cioè 286 euro all’anno. Ipotizzando un solo cliente al giorno che prenda un caffè – al tavolo costa sui 2 euro circa – significa che ogni esercente ha un profitto di circa 1,3 euro al giorno per tavolino. Ma è difficile immaginare che qualcuno si prenda la briga di mettere dei tavolini che servano a un solo cliente al giorno.

 

La sanzione in caso di occupazione abusiva, corrisponde al 200% dell’indennità, ovvero a 1,56 euro a tavolino irregolare. I controlli, poi, sono talmente poco efficaci che gli esercenti si sentono quasi giustificati: vengono mediamente elevate 6 multe al giorno, ovvero una cifra consistente. Ma sanzioni così basse non fanno altro che rendere inutili dei controlli che sono comunque capillari. Inoltre, la legge 94/2010 prevede la chiusura degli esercizi abusivi per almeno 5 giorni. Invece a Roma si applica al massimo di 5 giorni e solo per le occupazioni totalmente abusive.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna