15 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Testaccio: continua lo scambio di accuse tra Vegana e pescheria

La proprietaria del Vegan store: dopo aggressione gravissime bugie

Ne avevamo parlato un paio di giorni fa. Al mercato Testaccio i vegani hanno vita dura. Barabara, proprietaria del Vegan Store al banco 83, aveva denunciato a Radiocolonna di aver subito un’aggressione dalla vicina di box che vende pesce. Un clima di tensione culminato in litigi e minacce a causa dei volantini animalisti, gli incensi, il cibo dato ai piccioni e i bambini rom accolti dalla donna nel locale. Simona, proprietaria del banco pescheria numero 95 accanto al Vegan Store, non ci sta e si difende affermando di non averla ccolpita ma di aver solo buttato per terra le noccioline sul banco. Secondo la versione della proprietaria della pescheria sarebbe stata l’altra donna a minacciarla promettendo di farla sistemare dai suoi amici rom con due schioppettate. All’origine dell’alterco uno scambio di posizioni non condivise. In sostanza i box di macelleria e pescheria lamentano l’uso dei volantini di Barbara nei quali si parla male di carne e pesce, l’uso dell’incenso profumato, l’amicizia con alcune bambine rom che frequentano il mercato e l’accesso dei cani (anche senza guinzaglio). A far degenerare i toni proprio l’incenso. Alla richiesta di spegnerlo Barbara ha risposto per le rime facendo notare che l’odore del pesce è ben più forte. Il resto della storia è nota. E ieri sera sul profilo Facebook del Vegan Store, le parole di Simona vengono aspramente contestate: “Gravissime bugie riguardo al fatto che non sia vera l’aggressione; che ‘appiccico’ fogli con scritto non mangiate pesce e prosciutto sui muri del mercato. Mi hanno aggredita per un profumo figuratevi se avessi fatto una cosa simile. E inoltre gravissima accusa cattiva e pericolosa come al solito strumentale contro gli ultimi degli ultimi: io avrei minacciato di farle sparare dai genitori dei bambini che chiedono l’elemosina nella piazza. Rendetevi conto della miseria e del male”. Che sia l’ultimo capitolo di questa storia? (gc)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014