Trasporti: contro precettazione Delrio sciopero di 24 ore

Il SULCT, in una nota, annuncia la linea dura dopo la revoca dello sciopero di 4 ore fissato per oggi

“Siamo stati precettati, lo sciopero del 26 giugno, deve essere revocato. Lo ha deciso il Ministro dei Trasporti Delrio su suggerimento dell’Agens e delle altre Associazioni datoriali, nella riunione che si è tenuta al Ministero nella giornata del 23 giugno”. È quanto dichiara in una nota il Segretario Nazionale del SULCT Antonio Pronestì. “La riunione – continua – era stata convocata per chiedere alle Organizzazioni sindacali proclamanti di differire la protesta, ma considerata la posta in palio tutti i presenti non abbiamo esitato un secondo a declinare l’invito confermando lo sciopero.  Per tutta risposta, visto che lo sciopero era legittimo, hanno voluto usare la forza e con la nota ministeriale 188T è arrivata la precettazione, pertanto non si può scioperare il 26 giugno prossimo”. Il Segretario rimarca un “atteggiamento snobbante” da parte delle Associazioni Datoriali, “sicuri di aver raggiunto un risultato storico e consapevoli che in trattativa porteranno a casa il risultato sperato con la complicità dei sindacati compiacenti. Vogliono azzerare tutti i Diritti e le tutele degli Autoferrotranvieri, “non possiamo fidarci e i fatti lo dimostrano”. “Contro questa arroganza – conclude Pronestì – abbiamo già proclamato uno sciopero del TPL di 24 ore per il giorno 6 luglio 2017”.

“L’attacco feroce di questo governo alla Libertà di espressione, sancito dalla Costituzione Italiana, non ha precedenti”, rincara il Segretario del SULCT di Roma e del Lazio Renzo Coppini, “hanno iniziato con la distruzione della scuola, passando poi alla sanità, e ora tocca al TPL, pilastri di una società moderna, che sono state disgregate, scientificamente, da una classe dirigente sempre più lontana dalle esigenze della cittadinanza”. “Lunedì 26 – conclude Coppini – è stato confermato il presidio sotto la sede del Ministero dei Trasporti”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna