Consorzio di Bonifica Lazio Sud Ovest: 39 progetti per ridurre il dissesto idrogeologico e migliorare la struttura degli impianti

"Gli obiettivi del Consorzio – ha dichiarato il presidente Pasquale Conti - sono quelli di migliorare la sicurezza dei territori fortemente antropizzati, proteggendoli da piene ed eventi calamitosi e di ridurre lo spreco dell'acqua"

Il presidente Pasquale Conti

Prende forma il Consorzio di Bonifica Lazio Sud Ovest. Nei giorni scorsi – nella sede consortile di Ponte Maggiore a Terracina, alla presenza del rappresentante della Regione Lazio Antonio Maietti – sono stati presentati i 39 progetti finanziati e finanziabili per oltre 107 milioni di euro.

L’obiettivo è migliorare la struttura degli impianti e ridurre il dissesto idrogeologico con i finanziamenti del Pnrr e di altri fondi regionali. I progetti riguardano tutto il comprensorio Lazio Sud Ovest – per tre quarti in area Latina e il resto nell’area Fondi – e si riferiscono a diversi ambiti: 7 per il dissesto idrogeologico, 10 per gli impianti idrovori, 10 per l’efficientamento energetico e 12 per l’irrigazione sia in pressione (quella eseguita attraverso gli impianti irrigui) che di soccorso (relativa all’auto approvvigionamento da parte dell’utenza).

“Gli obiettivi del Consorzio – ha dichiarato il presidente Pasquale Conti – sono quelli di migliorare la sicurezza dei territori fortemente antropizzati, proteggendoli da piene ed eventi calamitosi e di ridurre lo spreco dell’acqua, cercando di trattenerla e di riutilizzarla per contrastare stagioni di siccità.Dobbiamo considerare, attraverso i nostri uffici tecnici, diverse soluzioni come per esempio il piano laghetti, piano invasi, mettere in campo risorse alternative utili affinché il Consorzio sia preparato ad affrontare le sfide del cambiamento climatico in corso”. Introdotti dal direttore generale Natalino Corbo, hanno relazionato al cda i tecnici del Consorzio, apprezzati per il lavoro encomiabile che hanno svolto e che ha permesso all’Ente di classificarsi nelle prime posizioni delle graduatorie per progetti ammissibili e finanziabili.

“In cinque anni, dal 2017 al 2022, questi ‘ragazzi’ – dichiara Corbo – hanno lavorato alacremente e senza interruzioni rispettando obiettivi, scadenze e requisiti richiesti dai bandi, in concomitanza con gli aggiornamenti normativi in itinere. L’eccezionale risultato è frutto della tangibile capacità di progettazione ed esecuzione dei lavori che il personale tecnico ha palesato in questi anni grazie ad un percorso di crescita, di rinnovamento e di sacrificio.” Si è aperta una nuova fase per il Consorzio di bonifica che, come sottolineato dal Presidente Conti, fonderà il suo prossimo agire su reputazione, partecipazione, organizzazione e concertazione.Su queste quattro vie il Consorzio proseguirà il suo compito straordinario di realizzare miglioramenti, riconversioni ed efficientamenti, da tempo necessari per la comunità e l’ambiente, che sono alla base di sicurezza e sviluppo.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna