Giornata della terra: Retake festeggia domani a Villa Borghese

Partenza da piazza del Popolo dalle ore 10, poi una camminata di "clean up" fino a Villa Borghese

“Il 23 aprile dalle ore 10 in Piazza del Popolo Retake festeggia la ‘’Giornata della Terra’, che è uno dei due momenti dell’anno che amiamo, raccogliendoci per portare l’attenzione verso l’ambiente,  verso la responsabilità che ciascuno può e deve prendersi rispetto all’ambiente che vive.”. Francesca Elisa Leonelli, presidente di Retake Roma, presenta gli eventi che il movimento ha organizzato nella Capitale con l’attrice Margherita Buy come madrina,  e in 19 altre città e cittadine, sottolineandone le finalità.

“Vogliamo anche mettere insieme  – rileva – il concetto della città come parte dell’ambiente. Spesso si pensa all’ambiente come la natura, gli spazi aperti in cui si è più in connessione con l’ambiente stesso,  in realtà la città è uno dei punti cardine in cui possiamo fare la differenza con la nostra relazione con la natura”.

“In occasione della Giornata della Terra – specifica Leonelli – saremo a piazza del Popolo dalle ore 10 , faremo poi una camminata di clean up  fino a Villa Borghese. Avremo le istituzioni al nostro fianco perché siamo convinti che insieme si fa meglio e di più”.

L’assessora all’Agricoltura , ambiente e ciclo dei rifiuti, Sabrina Alfonsi conferma a ‘’Radiocolonna’’ la partecipazione alle iniziative per la Giornata della Terra. ‘’Sono decine le iniziative tra il 22 e il 23 aprile – rileva – anzi invitiamo i cittadini a partecipare. Sono eventi di riflessione e di dibattito, ma anche di ‘’cura’’. L’ambiente e la terra è certamente il lato più importante di tutto il lavoro della sostenibilità’’.

Secondo Alfonsi l’interventismo dei cittadini è fondamentale non solo per un senso di comunità, ma anche  per riuscire a governare una metropoli come Roma con fenomeni cosi difficili e importanti. ‘’E’ proprio per creare un modo di vivere diverso – afferma – le persone si vogliono impegnare sui temi ambientali, sul proprio habitat per renderlo sostenibile. Credo che una svolta per un pianeta e una città sostenibile,  passi anche attraverso queste iniziative’’.

In particolare a Roma Retake ha deciso di aiutare un polmone verde come Villa Borghese. ‘’È simbolica. – concorda Alfonsi – Se si parte dal verde storico all’interno della città vuol dire avere attenzione a tutto il verde della Capitale. E Roma con questa amministrazione vuole rimettere l’ambiente al centro e quindi gli spazi verdi, gli spazi agricoli e poi sicuramente chiudere un ciclo dei rifiuti. Perché ora il modo con cui smaltiamo i rifiuti non è sostenibile,  né a livello economico e tantomeno a livello ambientale.

Tornando a Retake,  che  è stata una delle cinque associazioni che ha fatto  ‘’Roma cura Roma’’ e  che è presente alla Giornata della Terra, Alfonsi annuncia che sta firmando con Retake dei protocolli d’intesa proprio per progetti comuni fra cittadinanza e istituzioni. ‘’Abbiamo anche intenzione – aggiunge – di incentivare questo rapporto e uno degli asset sarà il fiume Tevere’’.

La presidente di Retake tiene a sottolineare che la filosofia di base del movimento è che ciascuno può fare la differenza. ‘’Spesso viviamo – afferma – in una convinzione comune che non contiamo nelle decisioni  nel modo di vivere e di vedere i nostri ambienti. Retake proprio nel suo nome suggerisce che invece possiamo e dobbiamo riprenderci questi luoghi e Retake è un mezzo per farlo’’.

‘’Quindi – conclude Leonelli – raccogliamo tante energie positive da parte di persone cittadini e gli diamo gli strumenti proprio per attivarsi nei loro luoghi. Ad oggi siamo presenti in più di 40 città in tutta Italia e l’obbiettivo è quello di portare sempre più persone a fare in proprio nei propri luoghi,  perché contiamo tutti . Il modo in cui viviamo e siamo responsabili di tutto l’ambiente e il modo con cui ci relazioniamo con l’ambiente dipende da uno più uno, più uno… quindi facciamo la differenza e facciamola insieme’’.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna