“Caro Babbo Natale”, ecco le letterine dei bambini romani

Poste Italiane: nei messaggi indirizzati a Santa Claus molti i riferimenti all’emergenza sanitaria accanto alle immancabili liste di regali e ai pensierini dedicati ai meno fortunati

Anche quest’anno sono migliaia le letterine natalizie intercettate nel circuito di Poste Italiane e gestite dal Centro di Smistamento Complesso di Fiumicino che si occupa anche della lavorazione della corrispondenza e dei pacchi provenienti da e verso i centri di distribuzione di Roma e del Lazio. Una tradizione che si rinnova ogni anno, con i piccoli che affidano a Poste Italiane desideri e speranze da recapitare al loro personaggio immaginario.

Oltre a utilizzare le classiche cassette rosse, molti bambini hanno scelto di consegnare le loro missive indirizzate a Babbo Natale e ai più svariati recapiti di fantasia, direttamente “a mano” nei 395 uffici postali di Roma e provincia o direttamente ai portalettere. Alle classiche liste di regali, sempre molto lunghe e variegate, i bambini dedicano molta attenzione anche ai loro coetanei meno fortunati, ai poveri e all’ambiente. Immancabili i riferimenti all’emergenza sanitaria, alle speranze e alle preoccupazioni che anche quest’anno i bambini esplicitano in formule ingenue e semplificate ma molto spesso spiazzanti per la loro efficacia comunicativa.

“Caro Babbo natale, ai fatto il tampone?” chiede ad esempio preoccupato il bambino che si firma Io e Alessia, aggiungendo che “Se non l’ai fatto stai tranquillo ti lasciamo un cotton fioc, una mascherina, una amuchina e latte e biscotti. Io e alessia per natale vorremmo ….”. “Babbo Natale, tu hai il Green Pass?”, domanda Mattia che prosegue fornendo comunque una soluzione pragmatica a garanzia della speciale consegna: “Te lo chiedo perché come saprai è obbligatorio per fare quasi tutto, ma se hai problemi quando passi a casa mia quest’anno puoi lasciare i regali fuori la porta e poi ci penso io”. Beatrice s’informa delle condizioni di salute di Santa Claus e gli suggerisce consigli e prudenza: “Ti voglio un mondo di bene e sono preoccupata per te. Stai bene? C’è il Covid dove vivi tu? Quando scendi devi stare attento. Se arrivi prima a casa mia ti lascio la mascherina così ti proteggi. Mi raccomando copriti e non prendere freddo altrimenti ti raffreddi.”

Molti gli slanci verso gli amichetti meno fortunati e in genere per coloro che vivono in condizioni di povertà. Monia, per i suoi regali si affida completamente a Babbo Natale: “Per i regali fai tu, quest’anno so che è un anno particolare e che non ci sono molti soldi, quindi sentiti libero di portare quello che vuoi, mi accontento del pensiero. Porta un gioco anche alla mia compagna di scuola Martina che è un po’ povera”. Carlo invece chiede di portare “un regalo ai senza tetto e a tutti i poveri, grandi e piccoli come me”. Giak invita il panciuto dalla barba bianca a portare “un bacio al mio bisnonno e alla mia bisnonna e ai bambini poveri e malati vorei dargli 50 euro a tutti”

Alexei invece si rivolge a Santa Claus in modo molto rispettoso e, per garantirsi la certezza della consegna dei doni richiesti, aggiunge una autorevole ‘certificazione’: “Gentile Babbo Natale, i miei genitori ritengono che i miei comportamenti siano stati adeguati. Pertanto mi piacerebbe ricevere un po’ di regali: un biliardino, la tuta da allenamento della A:S: Roma.”

A proposito di bilanci di fine anno, Elisa ammette qualche comportamento sopra le righe ma solamente come giustificata reazione: “Se qualche volta faccio i dispetti a mio fratello è solo per difendermi. Io sono una bimba bravissima e perciò ti chiedo questi regali”. Arianna invece chiede a Babbo Natale se è stata brava, con tanto di caselle da barrare “sì”, “no” e “così così”, accompagnate dal monito “scegli attentamente!”.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna