Covid, a fine agosto i dati sui test del vaccino italiano eVax

È stato messo a punto dalle aziende Takis e Rottapharm. Secondo l'amministratore delegato la "piattaforma sarà utile anche per tumori e altre malattie"

Sono attesi a fine agosto i primi dati clinici sulla sicurezza e l’immunogenicità del vaccino italiano Covid-eVax, messo a punto dalle aziende Takis e Rottapharm. Lo rendono noto le stesse aziende.

“Lo studio clinico è in corso e ci aspettiamo i primi risultati su sicurezza ed immunogenicità del vaccino per fine agosto”, dice il presidente e direttore Scientifico di Rottapharm Biotech, Lucio Rovati.

“Nello scenario attuale – prosegue – Covid-eVax potrebbe rappresentare un ottimo strumento in Paesi dove non c’è attualmente disponibilità di vaccini o come richiamo della risposta immunitaria nel tempo indotta da altre piattaforme vaccinali”.

Per Luigi Aurisicchio, amministratore e direttore scientifico della Takis, “la piattaforma di Covid-eVax, che noi abbiamo denominato X-eVax, dove X sta per antigene X, può essere utilizzata per tante altre patologie, tra cui il cancro. Investendo in questo settore tecnologico, potremo in futuro generare in tempi più rapidi nuovi vaccini, ma anche terapie geniche innovative in oncologia e altri settori terapeutici”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna