Covid: allarme presidi, in aumento nelle scuole elementari e medie

Complici anche le feste al chiuso e gli sport che dalle arene all'aperto si trasferiscono nelle palestre.

Dopo gli allarmi lanciati da esperti sull’aumento dei casi, una mini-ondata come ha detto il professor Massimo Ciccozzi, professore di Epidemiologia all’Università Campus Biomedico. Dopo il raddoppio in tresettimane dei casi di positività nel Lazio. Adesso arriva il monito dei presidi. Tanto che notizie di nuove positività nelle scuole, infatti, complici anche le feste al chiuso e gli sport che dalle arene all’aperto si trasferiscono nelle palestre, rimbalzano in questi giorni tra le chat dei dirigenti. Che lanciano l’allarme.

«Il virus sta riprendendo a diffondersi e i casi tra gli studenti aumentano, in particolare tra quelli degli istituti comprensivi, cioè di elementari e medie», spiega a ‘’La Repubblica’’ Mario Rusconi dell’Associazione nazionale presidi dei Lazio. «Ovviamente ¡I personale scolastico, una delle prime categorie a ricevere il vaccino, è esposto come ogni giorno», mentre la protezione anticorpale diminuisce.

«Per questo», aggiunge Rusconi, «confidiamo presto nella terza dose. Siamo in attesa di notizie. Speriamo che, non appena si potrà, i! personale scolastico si prenoti per la terza dose, mentre ai ragazzi più grandi chiediamo di continuare a dare il buon esempio vaccinandosi, come hanno fatto finora: la scuola ha il più basso numero di no-vax».

L’aumento dei casi, in generale, è legato non solo all’aumento del numero dei tamponi, un’impennata dovuta al Green Pass che ha costretto quanti non si sono vaccinati a eseguirne uno ogni 72 ore. Ma anche alle tante persone che sono tornate in ufficio, con la conseguenza di autobus e metro affollati.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna