Covid/Delta: Magi, Lazio rischia zona gialla

L’allarme del presidente dell’ordine dei medici difronte alla variante salita al 43%

«I contagi aumentano, cosi rischiamo chiusure estive e zone gialle», riassume a ‘’Il Corriere della sera’’ lo scenario Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, preoccupato dalla curva pandemica in rialzo, che lancia un allarme verso gli assembramenti nelle piazze. In una settimana, nella regione, l’impennata è stata del1’83%, rispetto alla media nazionale del 51%. Con questa mutazione, estremamente contagiosa (una settimana fa la variante era al 35%), il rischio maggiore è negli assembramenti.

«E come lo fai il tracciamento dei positivi nelle piazze? Per discoteche e locali chiusi ci vuole il green pass, come serve il rispetto delle regole – sottolinea Magi a proposito dei rischi attuali legati agli eventi sociali, specialmente quelli che coinvolgono i giovani.

Grandi resse e poche protezioni, come quelle scoperte dai vigili del IX Gruppo Eur dentro Cinecittà World: 300 persone riunite ad ascoltare musica e a ballare in una festa priva delle regolari autorizzazioni. Titolo della serata nel parco divertimenti sulla via Pontina, «goWonderland»: per il titolare è scattata la denuncia, oltre alla multa per violazione delle disposizioni anti-Covid.

Ma sono in corso altri accertamenti sul party. «Bisogna mantenere alta l’attenzione, usare la mascherina quando non è garantito il distanziamento, vaccinarsi, soprattutto tra i più giovani prima di andare in vacanza» l’appello di Alessio D’Amato, assessore alla Sanità, che punta non «a chiudere ma vaccinare» e chiede più controlli negli aeroporti.

 

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna