Covid: Ema, ok a terza dose per immunodepressi

In valutazione richiamo con vaccino Moderna

Il comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema) ha concluso che una dose extra dei vaccini anti Covid 19 Comirnaty (BioNTech/Pfizer) e Spikevax (Moderna) puo’ essere somministrata alle persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, almeno 28 giorni dopo la seconda dose.

L’Ema ha chiarito che la raccomandazione arriva dopo che alcuni studi hanno mostrato che una dose extra di questi vaccini ha aumentato la capacita’ di produrre anticorpi contro il virus. Ema ha specificato che anche se non ci sono prove dirette che la capacita’ di produrre anticorpi in questi pazienti protegga dalla Covid 19, ci si aspetta che la dose extra aumenti la protezione almeno in alcuni pazienti.

L’Ema continuera’ a monitorare tutti i dati che emergeranno sulla sua efficacia.

Resta invece oggetto di valutazione la somministrazione di una terza dose del vaccino Moderna, il Spikevax.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna