Covid: i positivi asintomaci restano a casa, arrivano i vaccini contro le varianti

Non ci sarà alcun 'libera tutti' per i positivi asintomatici. La svolta, auspicata da vari esperti e forze politiche e già attuata in alcuni Paesi, per il momento non sembra essere all'orizzonte in Italia

Non ci sarà alcun ‘libera tutti’ per i positivi asintomatici. La svolta, auspicata da vari esperti e forze politiche e già attuata in alcuni Paesi, per il momento non sembra essere all’orizzonte in Italia. Il ministro della Salute Roberto Speranza spazza il campo da equivoci: sul tema “c’è un parere del Consiglio superiore di sanità Css che è in arrivo e appena sarà formalizzato faremo le opportune valutazioni. Quello che è certo è che se una persona è positiva deve restare a casa”.

Intanto, sono in arrivo i vaccini adattati contro le varianti: dovrebbero essere disponibili in Italia già da metà settembre. Il punto, spiega il ministro, è che secondo le indicazioni del Css “se una persona è positiva lo è, sintomi o non sintomi, e deve stare in isolamento per evitare il diffondersi del contagio”. Prevale dunque un approccio di prudenza, anche se sarebbe confermato l’orientamento a ridurre il periodo di quarantena da 7 a 5 giorni per i soggetti positivi asintomatici, con un test negativo al quinto giorno. E passerebbe inoltre da 21 a 15 giorni il periodo massimo di isolamento in caso persista la positività al virus, sulla base della minore infettività trascorse due settimane.

Una prospettiva, quella del mantenimento della misura di isolamento, contestata però da più parti in vista delle elezioni del 25 settembre, quando alle urne potrebbero mancare in molti proprio a causa della positività al virus. Ma per Speranza questa polemica non sussiste: “Come fatto nelle ultime elezioni, c’è la possibilità del voto domiciliare, così come per le persone inferme. Anche per queste elezioni il voto domiciliare c’è e lo si può usare”, afferma. Dibattito pre-elettorale a parte, resta il nodo della strategia da adottare nel prossimo futuro per la gestione della pandemia. Perchè, se è vero che oggi disponiamo di molte più armi contro il virus, è anche vero che la pandemia è ancora in atto. Per questo Speranza ribadisce l’invito a tutte le forze politiche a dire “senza ambiguità” che la campagna vaccinale anti-Covid andrà avanti anche dopo il 26 settembre, tanto più considerando il prossimo arrivo dei vaccini aggiornati contro la variante Omicron del virus. I tempi sarebbero infatti davvero stretti: “La nostra attesa è che domani l’Agenzia europea dei medicinali possa dare il via libera ai vaccini adattati e poi seguirà l’Agenzia italiana del farmaco. Contiamo di avere già a metà settembre la disponibilità di vaccini aggiornati”, ha detto il ministro, invitando “i soggetti fragili e gli over60 ad avere un secondo richiamo”.

Intanto la Fda, l’agenzia Usa preposta al controllo dei farmaci, ha concesso proprio oggi l’autorizzazione di emergenza ai booster aggiornati dei vaccini anti-Covid di Pfizer e Moderna. Insomma, la posizione del ministero della Salute resta di cautela, in vista dell’attesa nuova ondata pandemica autunnale. Continua tuttavia ad alleggerirsi la pressione sulle strutture ospedaliere, con i ricoveri che si confermano in calo anche per effetto dei livelli di immunizzazione già raggiunti, mentre a livello mondiale l’Oms segnala un calo dei casi del 16% in sette giorni pur sottolineando che ancora il 30% degli operatori sanitari e il 20% degli anziani nei paesi ricchi non sono vaccinati. In Italia, nell’ultima settimana, rileva il report degli ospedali sentinella della Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere), si registra un’ulteriore diminuzione dei pazienti ricoverati pari al 14,2%. A diminuire sono stati sia i ricoverati nei reparti ordinari (-14%) sia i pazienti nelle intensive (-18,2%).

La recente segnalazione di un aumento dei casi Covid, sottolinea il presidente Fiaso Giovanni Migliore, “attualmente non si riflette su un aumento dei ricoveri. Molti ospedali hanno chiuso i reparti Covid perché non ci sono più pazienti ma avendo piani operativi per riattivare tempestivamente quei posti letto. Sarà fondamentale mantenere bassi i numeri e questo passerà da una nuova spinta sulla campagna vaccinale per over60 e fragili”. Anche il bollettino giornaliero del ministero della Salute segnala numeri in discesa: sono 21.817 i nuovi contagi (ieri 31.088). Le vittime sono 90, rispetto alle 98 di ieri, ed il tasso è al 13%, in diminuzione. Sono invece 213 i pazienti in intensiva (13 in meno di ieri) ed i ricoverati nei reparti ordinari sono 5.091 (-336). (di Manuela Correra per Ansa)

 

 

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna