Effetto hacker: breve guida alla sanità tornata ‘’manuale’’

Cittadini in fila per il tampone, per le visite specialistiche, per i ticket. Ricoveri tramite centralini ospedali. Referti bloccati

Da oltre 72 ore la sanità della regione è in emergenza con tutto bloccato ed i servizi spostati direttamente sulle Asl e gli ospedali con i medici che cercano di gestire prenotazioni, vaccini, tamponi, visite e ricoveri  urgenti, tutto manualmente e così dovrebbe rimanere fino al 13 agosto.

Ricoveri: con chiamata al centralino di ogni ospedale

I cittadini potranno comunicare le loro esigenze “attraverso i Cup di ogni singola azienda sanitaria che hanno predisposto i calendari delle prenotazioni, potranno chiamare o recarsi agli sportelli. Alcune hanno già predisposto dei numeri verdi”. Ieri sera i numeri non erano ancora stati resi noti, ma dai grandi ospedali della città garantiscono che è una questione di poco tempo. S’immagina, per i nosocomi, un funzionamento a chiamata.

Il paziente contatterà il centralino, ospedale per ospedale, spiegherà la sua necessità – e dovrà avere una prescrizione contrassegnata come urgente – poi verrà messo in contatto con un capo dipartimento designato per ogni reparto che verificherà le disponibilità dello specialista di turno, che a sua volta fisserà un appuntamento. Il nuovo portale vaccini

Vaccini: avanti chi ha prenotato fino al 13 agosto, a fine settimana nuovo portale per prenotazioni

Per i vaccini la Regione assicura di risolvere entro questo venerdì, attivando un nuovo portale di prenotazione, mentre vanno avanti le somministrazioni per chi ha già prenotato, circa 500mila appuntamenti già fissati, tra prima e seconda dose, fino al 13 agosto. Venerdì dalle 19 alle 23,30 sarà possibile vaccinarsi con Moderna e Johnson nel corso dell’open “Vaccinazioni sotto le stelle” al Castello di S. Severa. Ci si può vaccinare senza prenotazione presso i medici di famiglia

Tamponi: basta andare ai drive con ricetta medica, tornano le code

Per i tamponi invece, si torna al passato recente, quello delle file ai drive in. Morto il metodo della prenotazione online, chi ha una ricetta medica, o una convocazione dai Sisp (il Servizio igiene e sanità pubblica delle Asl che si occupa del tracciamento) potrà andare in tutti i drive, e aspettare il proprio turno. Per quanto riguarda gli esiti, dopo i disguidi degli ultimi giorni che hanno lasciato decine di persone nel limbo di un referto che non arriva – è stata predisposta la piattaforma di Sogei, già utilizzata dai medici di famiglia, che registrerà i tamponi e farà da tramite tra ente e cittadino.

I referti analisi: per ora sono bloccati 

Resta il nodo degli altri referti: sono decine le segnalazioni di utenti, sulla pagina Facebook di Salute Lazio, che non riescono a ritirare l’esito delle analisi effettuate nei giorni scorsi. Di fatto c’è un problema di incomunicabilità tra strutture: il sistema informatico centralizzato regionale fungeva da centro nevralgico di dialogo tra laboratori specializzati e Asi. I responsi ci sono, ma sono bloccati nel cervellone virtualizzato regionale, ora criptato e, almeno fino a ieri per ragioni di privacy non potevano essere trasmesse direttamente via email.

Green pass: normale, ma ritardi 12/72 ore per nuove vaccinazioni

Per scaricare il green pass le farmacie sono ora collegate alla rete della tessera sanitaria. Per ottenere il green pass fino a 72 ore Chi fa 1e vaccinazioni in questi giorni potrà scaricare il green pass seguendo le consuete modalità comunicate dal ministero della Salute o andare in farmacia con la tessera sanitaria. Ci potrebbero essere dei ritardi, tra le 12 e le 72 ore, poiché tutto il procedimento di registrazione e aggiornamento dei dati (girati alla piattaforma del commissario nazionale) viene effettualo a mano, su supporti cartacei.

Visite specialistiche: garantite le urgenze 

Le Asl stanno garantendo le urgenze, ossia quegli esami contraddistinti dalla “U” nelle prescrizioni mediche e le forniture essenziali ai malati. I medici di base contattano via telefono gli specialisti disponibili. Le visite differibili verranno riprogrammate lasciando il proprio nome e numero di ricetta al Recup 069939 o presentandosi direttamente agli sportelli delle Asl o dei distretti.

Cartella clinica e ricetta medica

Tutto via e mail. Negli ospedali la richiesta della cartella clini ca potrà essere effettuata via email oppure allegando alla modulistica la ricevuta bancaria o postale del versamento. Infatti, non è possibile pagare il ticket al Cup e, quindi, i versamenti dovranno essere fatti in banca o alla posta. Nessun problema per le ricette dematerializzate dei medici di base, che viaggiano su una piattaforma nazionale. Non si può cambiare o revocare il medico.

Adempimenti e altre tasse: sospeso invio solleciti 

Secondo le previsioni gli “sportelli virtuali” della Regione Lazio non torneranno operativi prima di fine mese. Per alcuni adempimenti, come il bollo auto e il pagamento delle altre tasse regionali, i versamenti possono essere effettuati anche trami
te bonifico bancario o nelle tabaccherie, ma il sistema regionale non è al momento in grado di registrare il pagamento. Sospeso anche l’invio dei solleciti.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna