Roma: perde braccio per incidente sul lavoro, reimpianto al S.Camillo

D'Amato, è intervento all'avanguardia

Foto dalla pagina Facebook

Un intervento in emergenza, effettuato con tecniche all’avanguardia e grazie a un approccio multiprofessionale, ha consentito di salvare la vita a un uomo di 63 anni e di garantirgli il reimpianto del braccio amputato a causa di un incidente sul lavoro. E’ accaduto presso l’Azienda Ospedaliera San CAMILLO – Forlanini dove il paziente era arrivato in condizioni particolarmente critiche: in preda a una pesante emorragia, al limite del dissanguamento, la situazione era aggravata dal fatto che fosse gia’ sottoposto a una cura a base di farmaci anticoagulanti. Il personale del Pronto Soccorso, dopo averlo stabilizzato, ha immediatamente rilevato la necessita’ di trasferirlo in sala operatoria. A quel punto, e’ stato sottoposto a un intervento durato circa 4 ore, con una tecnica di microchirurgia particolarmente avanzata, in cui e’ stato completato il reimpianto dell’arto.

“Ringrazio tutto il personale che ha permesso di completare, nei tempi adeguati e con accuratezza clinica, questo intervento di elevata complessita’. In particolare la reattivita’ e la cura dei dettagli di chi lavora al Pronto Soccorso e’ stata determinante, dimostrando che si tratta di una struttura dotata di efficienza ed efficacia. La nostra azienda ospedaliera si conferma all’avanguardia grazie a un approccio integrato che assicura connessioni funzionali tra tutte le strutture che operano in piena sincronia e sinergia”, commenta il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Camillo- Forlanini Narciso Mostarda “Nel Lazio esiste una rete che coordina i traumi amputativi degli arti e, all’interno di essa, il San Camillo – Forlanini rappresenta un hub. La nostra Unita’ Operativa Complessa (Uoc) di Chirurgia degli arti costituisce un centro regionale. Elementi che mostrano come la Nostra Azienda Ospedaliera sia un’eccellenza in materia, garantendo il successo di interventi complicatissimi come quello effettuato il 7 settembre. Dopo 3 giorni il paziente ha recuperato pienamente l’arto e le sue condizioni sono stabili. L’equipe che dirigo, insieme a quella Anestesia e Rianimazione, ha svolto un lavoro di esemplare professionalita’”, sottolinea Nicola Felici, Direttore della UOC Chirurgia ricostruttiva degli Arti del Centro Regionale Ospedaliera San Camillo Forlanini.

“Si tratta di un intervento all’avanguardia. L’azienda ospedaliera e i suoi professionisti si confermano una eccellenza della sanita’ romana e regionale”, ha dichiarato l’Assessore alla Sanita’ della Regione Lazio Alessio D’Amato.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna