Wandering Italia: si festeggia un mese di viaggio!

Ogni giorno devo prendere decisioni diverse da quelle che avevo immaginato o programmato, prima di partire

“Un mese di viaggio è già un traguardo. Dopo 30 giorni di percorso posso dire che nulla è come avevo immaginato. Tutto cambia, di giorno in giorno. Durante questa avventura ho compreso che devo sempre riprogrammare qualcosa. Quello che avevo calcolato e pianificato, prima di partire, non conta nulla.

Ogni volta devo prendere decisioni diverse, dettate dalle esigenze, dalle situazioni e dall’istinto. Ma non mi lamento. Anzi.  Ogni giorno ho la possibilità di vivere esperienze nuove, fare incontri inaspettati, valutare e vedere nuovi percorsi.  Ogni volta, affronto e supero nuove difficoltà. Se ricominciassi il viaggio oggi, sono sicuro che sarebbe tutto completamente diverso.

Ho attraversato oltre 1000 chilometri di Appennini e, forse, posso ammettere che vederli in solitudine è anche noioso.  Il contatto con la gente, che incontro nel mio tragitto, ha assunto un aspetto fondamentale.

Ad ogni passo che compio in avanti, ad ogni metro che supero, penso alla mia compagna e a mia figlia. Tutto quello che vedo e che provo lo condivido, nei pensieri, con loro. In questo modo mi sembra di portarle in viaggio con me.

Sono sereno. Soddisfatto perché mi rendo conto che, noi uomini, siamo capaci di confrontarci con tutte le difficoltà che la vita ci pone. Di fronte alle sfide, siamo riprogrammabili. Riadattabili.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna