torna su
28/10/2020
28/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Milano, autista blocca bus con scolaresca e appicca il fuoco

14 intossicati. “Urlava: Basta morti nel mediterraneo”. “Ci ha ammanettati e ci minacciava”, ha raccontato una ragazzina che era sul bus.

Avatar
di G.I. | 2019-03-20 20/03/2019 ore 14:36

Foto da Facebook di Marco Cella

Ha fermato lo scuolabus che stava guidando, con due classi di 51 studenti di seconda media a bordo. Ha fatto scendere tutti e ha dato fuoco al mezzo. E’ accaduto a San Donato Milanese: l’uomo, un 47enne di origini  senegalesi ma con cittadinanza italiana, è stato arrestato. Nessuno è rimasto seriamente ferito, ma 12 studenti sono stati portati in ospedale in codice verde per un principio di intossicazione.

In ospedale anche due adulti: uno è in codice giallo. Anche l’autista fermato è stato portato in ospedale. Dalle prime ricostruzioni l’uomo, prima di incendiare il bus, avrebbe gridato: “Voglio farla finita, vanno fermate le morti nel Mediterraneo”.

Uno degli studenti, notando che il pullman stava facendo una strada sbagliata, ha chiamato i carabinieri con il cellulare. I militari lo hanno intercettato e lo hanno speronato per fermarlo.

Ousseynou Sy ha precedenti per guida in stato di ebbrezza e violenza sessuale. “Voglio vederci chiaro: perché una persona con simili precedenti guidava un pullman per il trasporto di ragazzini?”, commenta il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Ci ha ammanettati e ci minacciava. Diceva che se ci muovevamo, versava la benzina e accendeva il fuoco. Continuava a dire che le persone in Africa muoiono e la colpa è di Di Maio e di Salvini. Poi i carabinieri ci hanno salvati”. Questo è il racconto di una ragazzina che era sul bus.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
863 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014