torna su
12/04/2021
12/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Parco Centocelle inquinato da metalli pesanti, estesa area chiusa

Uno studio ha rilevato la presenza di arsenico e piombo, tra gli altri, che sforano i limiti imposti nelle aree industriali

Avatar
di Redazione | 2018-11-22 22/11/2018 ore 13:49

Rifiuti nel Parco di Centocelle

La sindaca Virginia Raggi ha esteso l’area del Parco archeologico di Centocelle chiusa al pubblico perché inquinata, dopo che un’analisi condotta da Source International Onlus ha evidenziato il superamento dei valori di legge dei metalli pesanti in tutti e otto i punti dove sono stati effettuati dei campionamenti.

Lo studio – che risale al giugno scorso – ha evidenziato nella parte più superficiale del suolo la presenza di metalli come antimonio, arsenico, berillio, piombo, rame, selenio, stagno, tallio, vanadio e zinco. In alcuni punti, i valori di questi metalli sforano non solo quelli fissati per le aree verdi ma si avvicinano anche a quelli stabiliti per le aree industriali.

La sindaca Raggi ha così firmato un’ordinanza che, oltre a confermare l’interdizione dell’area del canalone (quella interessata dall’incendio di rifiuti interrati nel gennaio 2017), ha esteso il divieto di accesso al pubblico alle aree intorno ai punti dove sono stati effettuati i campionamenti.

Secondo quanto riportato nello studio allegato all’ordinanza del Campidoglio, servono ulteriori analisi per capire l’origine di questi metalli, “la cui presenza potrebbe avere radici storiche legate all’uso di tale area negli anni passati, oppure al tipo di terreno che è stato utilizzato per trasformare l’area in una zona di verde urbano”. “Testimonianze dirette di abitanti della zona riportano come l’area sia sempre stata un area verde anche quando era una zona militare – si legge ancora – questo lascerebbe supporre che il suolo è lo stesso da molto tempo e che tali contaminanti siano quindi presenti da diversi anni. Inoltre, sarebbe importante analizzare la concentrazione di metalli pesanti nelle acque sotterranee della zona per capire la mobilità di tali elementi e come questi possano entrare nella catena trofica e arrecare danni alla popolazione locale. I metalli pesanti presenti nel suolo non sono particolarmente tossici al contatto, ma lo sono se ingeriti anche in piccole dosi. Pertanto qualora un bambino giocasse con il suolo e poi si mettesse le mani in bocca potrebbe assorbirli. Inoltre la polvere del suolo potrebbe depositarsi sul cibo nel caso l’area venisse utilizzata per dei picnic. La polvere potrebbe anche essere portata in casa da cani o altri animali domestici che vengono portati al parco”. Lo studio conclude sconsigliando l’uso ricreativo del parco.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25264 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014