torna su
10/05/2021
10/05/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ieri a Centocelle corteo di solidarietà per la “Pecora Elettrica”

La libreria antifascista è stata di nuovo incendiata alla viglia della riapertura. “Una passeggiata in autodifesa del quartiere”, hanno detto gli organizzatori

Avatar
di Redazione | 2019-11-7 7/11/2019 ore 10:30

Lo striscione in testa al corteo a Centocelle

“Combatti la paura! Difendi il quartiere”. È lo striscione in testa al corteo, che da piazza dei Mirti ieri ha sfilato per le vie del quartiere Centocelle in segno di solidarietà alla libreria La Pecora Elettrica, incendiata a meno di 24 ore dalla riapertura.

La libreria in via delle Palme infatti, avrebbe riaperto i battenti oggi, dopo mesi di chiusura dovuti a un altro incendio di origine dolosa avvenuto il 25 aprile scorso. Tra bandiere rosse di “azione antifascista” e slogan, ad animare la manifestazione la musica, proveniente dalla casse audio installate su un furgoncino, che accompagna la marcia dei manifestanti, che si snoda per le vie di Centocelle fino a piazza Teofrasto. Il corteo, organizzato da cittadini e associazioni di quartiere, viene definito “una passeggiata di autodifesa popolare” perché – spiegano – “ci pensano i cittadini, non le istituzioni o i politicanti, a fare la difesa del nostro quartiere”.

 

 

“Siamo tutti Pecora elettrica”, è l’urlo che si è alzato dal serpentone umano e ha riecheggiato per le strade della periferia est romana. A colorare il lungo corteo, prima i fumogeni, e poi i cellulari alzati verso il cielo con centinaia di lucine accese.

“Oggi dobbiamo dare una grande risposta a questo vile attacco a un luogo che tutti sentiamo vicino – afferma l’associazione antifascista di Roma est – per dimostrare che la comunità che vivono il territorio sanno resistere e difendersi, se messi sotto attacco. L’episodio di stanotte (ieri notte ndr), infatti, è solo l’ultima è più eclatante manifestazione di una serie di problematiche che affliggono il quadrante di Roma Est, come, ad esempio, la cementificazione selvaggia a favore delle grandi speculazioni immobiliari e gli sfratti delle famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese. Noi pensiamo – sostiene l’associazione – che invocare più sicurezza, delegando il controllo dei nostri quartieri alle forze di polizia non serva a difenderci da episodi come quello di stanotte. Dobbiamo, invece, organizzarci e sviluppare rapporti mutuali e solidali tra abitanti per costruire una comunità resistente”.

Non sono mancate le critiche nei confronti del presidente del municipio V di Roma, Giovanni Boccuzzi, perché, secondo i dimostranti “le istituzioni non hanno dato risposte ai problemi di degrado e di spaccio del quartiere. Stanno abbandonando le periferie. Il presidente di municipio ha paura delle sue ombre”. A conclusione della manifestazione, lo striscione in testa al corteo, “Combatti la paura! Difendi il quartiere”, è stato portato davanti a La pecora elettrica. In piazza ieri sera anche diverse personalità politiche, come la consigliera regionale del Pd nel Lazio Michela Di Biase e il consigliere Pd in Assemblea capitolina Marco Palumbo. A presidiare l’andamento del corteo le forze dell’ordine.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25490 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014