Categorie: News da Roma

Di Maio contro Trenta, inaccettabile mantenga casa

L’ex ministra difende la scelta di mantenere l'abitazione al centro di Roma assegnatale quando era responsabile della Difesa. "Ho bisogno di una casa grande"

“Questa cosa dal mio punto di vista non è accettabile, ha smesso di fare la ministra due mesi fa, ha avuto il tempo per lasciare la casa, è bene che ora la lasci e se il marito in quanto militare ha diritto ad un alloggio può fare domanda e lo otterrà. Questa cosa fa arrabbiare i cittadini e anche noi perché siamo quelli che si tagliano gli stipendi”. Lo ha ribadito il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Rtl, rispondendo alla domanda sulla decisione di Elisabetta Trenta di mantenere l’abitazione al centro di Roma assegnatale quando era ministra della Difesa.

“Sono molto arrabbiata. Questa storia mi porterà dei danni. È evidente che ormai sono sotto attacco”. Così, intervistata da “Il Corriere della Sera”, l’ex ministra della Difesa a proposito delle polemiche per il suo appartamento.

“E’ tutto regolare”, dice. “Ormai la casa è stata assegnata a mio marito e in maniera regolare. Per quale motivo dovrebbe lasciarla?”. Spiega che aveva tre mesi per lasciare l’alloggio, ma nel frattempo suo marito ne ha fatto richiesta e gli è stato assegnato. Dice che quando è diventata ministra, suo “marito è stato demansionato. Ora ha di nuovo i requisiti. E comunque noi prima facevamo una vita completamente diversa” e “anche adesso continuo ad avere una vita diversa”, “è una vita di relazioni, di incontri”.

Poi aggiunge: “Non credo proprio che si tratti di un privilegio perché io l’appartamento lo pago e lo pago pure abbastanza”. E pensa di essere sotto attacco: “Due giorni fa è stato pubblicato un documento riservato con il mio test attitudinale per l’Aise, l’agenzia dei servizi segreti. Poi è saltata fuori la storia della casa”, “è un attacco al presidente Conte? All’Aise, al Movimento? Alla Link Campus, dove sono tornata a lavorare?”.

L’ex ministra aggiunge, infine, di aver sentito Di Maio, che le ha chiesto di lasciare la casa: “Gli ho spiegato che tutto è stato fatto correttamente”, “quando l’incarico di mio marito sarà terminato lasceremo la casa come dicono le regole”. Resterà nel M5S? “Ho chiesto di essere una dei 12 facilitatori. Ci rimarrò di sicuro”, conclude.

Stampa
Condividi
Pubblicato da Redazione

Articoli recenti

Vaccino: Lazio, slitta di 7 giorni piano per over 80

Dall'8 febbraio somministrazioni, 'colpa ritardi consegna dosi'. In regione sono 71.446 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 2.673…

10 ore fa

Atletica: marcia a Ostia, Tricolori con vista su Tokyo

In gara per pass Giochi anche azzurra Giorgi .E c'è team Vaticano

10 ore fa

Covid: Arsial-Caritas Roma, 750mila euro per cibo a indigenti

Fondo dedicato acquisto prodotti Lazio per persone in difficoltà

11 ore fa

Lazio: nomine Asl, proroga indagini per Zingaretti e D’Amato

e altri 7. Salvini, indagine su Zingaretti e' problema per M5s?

12 ore fa

Roma: Federalberghi, non opportuno cambio assessore Turismo

Ipotesi sostituzione dell'Assessore di Roma Capitale

11 ore fa

Per le seconde case pronto il via libera

Apertura per gli spostamenti nelle seconde case purché di proprietà o con affitto registrato da tempo. E' logico immaginare una…

14 ore fa

Scuola, a Roma 1 minore su 3 a rischio abbandono

Inchiesta di Sant'Egidio sugli alunni delle elementari e delle medie, il dato peggiora al Sud

16 ore fa

Guasto informatico, lezioni ed esami sospesi alla Sapienza

Per tutta la giornata. Sono prorogate le scadenze di prenotazione agli esami e alle sessioni di laurea

16 ore fa

Bimba morta per gioco estremo su Tik Tok, genitori donano organi

Oggi l'espianto a Palermo con un equipe medica del Bambino Gesù. Saranno poi trapiantati in pazienti in attesa a Milano…

16 ore fa

Denunciato 37enne romano per spari contro un’abitazione

L'episodio martedì scorso in una casa in via Gian Bistolfi, dove vivono una donna di 40 anni e i suoi…

17 ore fa

Questo sito utilizza cookie.