torna su
28/09/2020
28/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Allarme crollo alberi nelle scuole: Campidoglio corre ai ripari

Ma a meno di due settimane dalla riapertura messe in sicurezza solo 50 scuole. Torna anche la terribile cocciniglia a minacciare i pini della Capitale

Avatar
di Redazione | 2020-09-3 3/09/2020 ore 11:36

(immagine di repertorio)

A meno di due settimane dalla riapertura delle scuole (che in molti casi risultano però già aperte per i corsi di recupero) scatta l’allarme sugli alberi pericolanti che si trovano nei giardini degli istituti scolastici. Secondo quando riporta oggi il dorso locale del Messaggero, il Campidoglio sarebbe corso ai ripari con un appalto d’urgenza per intervenire sugli alberi a rischio schianto.

I primi interventi di messa in sicurezza sono partiti ad agosto e hanno riguardato 50 scuole, fra 10 giorni dovrebbero invece concludersi quelli in altri 50 istituti. Mente per altre scuole, dall’assessorato al Verde fanno sapere che è attivo il monitoraggio, e si vedrà come agire a seconda della situazione.

La mappa degli alberi pericolanti (pini e platani che rischiano di schiantarsi nei cortili) copre l’intera Capitale, da Casal Bruciato all’Eur. Una situazione che rischia di diventare esplosiva soprattutto quest’anno, visto che gli spazi esterni dovranno ospitare anche alcune lezioni.

Ma il rischio crolli, riguardava anche 50mila pini pericolanti sparsi per la Capitale. Il nemico, spiegano gli agronomi, è la terribile cocciniglia tartaruga, un parassita che sta devastando gli arbusti dal Nomentano a viale delle Milizie, fino a Saxa Rubra.

Il più colpito risulta il II Municipio, da corso Trieste,  fino a viale Ippocrate.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23753 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014