torna su
29/10/2020
29/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Roma: M5s diviso su Raggi, si apre fronte interno sul ‘Bis’

La prima a criticare le parole del leader pentastellato è stata l’ex ministra Barbara Lezzi

Avatar
di Redazione | 2020-10-12 11/10/2020 ore 18:30
(ultimo aggiornamento il 12 Ottobre 2020 alle ore 9:00)

In attesa di sfidanti Virginia Raggi deve guardarsi soprattutto dal fronte interno M5s, dove da giorni si moltiplicano i dubbi sull’eventualita’ di una sua ricandidatura. Il tentativo di bis della sindaca, invisa ai Dem ed indisponibile ad una intesa con loro, si frappone alla linea di chi tra i pentastellati vuole puntare su un rafforzamento dell’alleanza di governo con il Pd, traslandola anche su territori.

Il banco di prova di questo schema e’ stato individuato dal fronte governista tra i pentastellati nella tornata amministrativa del prossimo anno, quando andranno al voto Roma, Milano, Torino, Bologna e Napoli. Oggi a far deflagrare questa situazione sono le parole del ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Dobbiamo investire in sindaci che siano in sintonia con la coalizione di governo”. E, interrogato a tema sulla situazione di Roma e Milano, ha replicato: “Non mi fossilizzerei su Sala e la Raggi. Per me la Raggi ha lavorato bene”. Precidando di non “aver mai parlato di scaricare qualcuno”.

La prima a criticare le parole del leader pentastellato e’ stata l’ex ministra Barbara Lezzi, vicina alle posizioni critiche di Alessandro Di Battista sulla gestione del Movimento, che ha sostenuto: “Non si tratta di fossilizzarsi ma di coerenza, la Raggi merita il rispetto di tutti”. Ne e’ seguita poi una smentita dello staff di Di Maio: “Il ministro ha sostenuto e sostiene la sindaca, troviamo becera la strumentalizzazione delle sue parole molto chiare e nitide”. Anche i 5 Stelle capitolini sono in fermento. Oggi la ‘fronda’ di 5 consiglieri di peso ha formalizzato per sabato prossimo un incontro per aprire un percorso sui temi per il futuro della citta’ per individuare il candidato sindaco solo dopo la scelta dei temi.
Ad ulteriore dimostrazione delle perplessita’ avanzate da settimane dal gruppo sulla ricandidatura della Raggi. Dubbi che potrebbero portare a far mancare, insieme ad altri consiglieri, la maggioranza in Aula alla sindaca sugli ultimi voti di peso attesi in questi mesi. Nel frattempo il leader di Azione Carlo Calenda continua a lanciare segnali su Twitter del suo interesse per la corsa al Campidoglio. Prima di lanciarsi pero’ statenbe aspettando di valutare i numeri dei sondaggi sulla sua figura. La sua possibile candidatura divide il centrosinistra, che nell’ex ministro troverebbe un nome di peso ma anche un ostacolo ad una intesa su Roma con i 5 Stelle, vista la sua distanza dai pentastellati.
Da chiarire inoltre se Calenda accetterebbe di correre alle primarie, a cui gia’ si sono candidati 5 tra parlamentari Dem ed esponenti politici e civici locali. Quanto al centrodestra negli ultimi giorni si sono rincorse voci su possibili candidati piu’ pop come il conduttore televisivo Massimo Giletti.

La prossima settimana i leader della coalizione dovrebbero tornare ad incontrarsi per discutere sui possibili nomi. La corsa per il Campidoglio, che nessuno sembra voler vincere, e’ appena iniziata

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24011 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014