torna su
20/06/2019
20/06/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Golfo Oman, attacco a due petroliere: almeno una colpita da siluro

Secondo la compagnia petrolifera statale taiwanese

Avatar
di Redazione | 2019-06-13 13/06/2019 ore 14:39

Almeno una delle due petroliere attaccate oggi nel Golfo di Oman sarebbe stata “colpita da un siluro”: lo riporta il quotidiano britannico Telegraph, che cita la compagnia petrolifera statale taiwanese.

In precedenza, il ministro del Commercio giapponese Hiroshige Seko aveva confermato che le navi sono state attaccate sottolineando che le imbarcazioni trasportavano carichi “collegati al Giappone”. Seko aveva inoltre precisato che le due navi sono state “attaccate vicino allo Stretto di Hormuz” proprio quando Shinzo Abe è in Iran come primo premier giapponese in visita dal 1979.

La nave che sarebbe stata colpita dal siluro è la Front Altair, di proprietà norvegese. L’altra petroliera, la Kokuka Courageous, è stata danneggiata in un “sospetto attacco” che ha aperto uno squarcio nello scafo sopra la linea di galleggiamento, riporta sempre il Telegraph.

Media locali avevano parlano inizialmente di esplosioni e incendi su entrambe le imbarcazioni.

L’Iran ha annunciato di avere soccorso 44 membri  dell’equipaggio a bordo delle due navi e il portavoce della Quinta Flotta della Marina Usa, il comandante Joshua Frey, ha fatto sapere di avere prestato assistenza alle imbarcazioni. Le due petroliere che hanno preso fuoco nel Golfo di Oman, secondo quanto è stato riferito, sono state attaccate, ha aggiunto Frey.

“Siamo consapevoli di quanti accaduto nel Golfo di Oman e stiamo valutando la situazione”: questo il commento della portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders dopo che almeno una petroliera e’ stata colpita da un siluro.

L’Arabia Saudita accusa l’Iran di essere colpevole “da 40 anni di morte, distruzione e caos” nella regione. Lo ha detto il vice ministro della difesa saudita, il principe Khalid ben Salman. I commenti del vice ministro, figlio del re Salman, giungono all’indomani di un attacco missilistico degli insorti yemeniti Huthi contro l’aeroporto saudita di Abha, nel sud del paese, e nel giorno in cui sono giunte notizie di un non meglio precisato attacco marittimo a due petroliere nel Golfo dell’Oman.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
20389 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014