Categorie: Top News

Ue, oltre 4 italiani su 10 non può permettersi vacanze

Quasi il doppio della media dei 28. Le famiglie soffrono di più

Estate, tempo di vacanze, ma non per tutti. Specialmente in Italia dove, rileva Eurostat, più del 40% della popolazione non può permettersi nemmeno una settimana di villeggiatura all’anno. Il problema non è dei single, che mediamente hanno mezzi e risorse per partire in vacanza senza pensarci troppo, bensì delle famiglie, soprattutto quelle con uno o più figli a carico. Guardando ai dati del 2018, l’ufficio europeo di statistica ha sostanzialmente fatto i conti in tasca ai cittadini di ogni Stato membro, per capire se avessero le possibilità economiche di fare un viaggio di piacere di una settimana. In Italia si è registrato uno dei dati peggiori: il 43,7% degli italiani non può permetterselo.

E’ una percentuale piuttosto alta, se si guarda alla media Ue che si ferma solo al 28,3%. Tra i 28 Paesi membri, è la Romania quello con la percentuale più alta di abitanti che non possono muoversi per ragioni economiche (58,9%), seguita da Croazia (51,3%), Grecia e Cipro (51%), e poi dall’Italia (43,7%), il cui dato è peggiorato rispetto a quello del 2017 (43%). La situazione cambia molto a seconda della composizione del nucleo famigliare. Il comportamento dei single italiani, ad esempio, si avvicina molto di più alla media europea rispetto a quello delle famiglie. Se il 48% di italiani che vivono da soli non ha i soldi per partire, in Europa è il 33% ad avere lo stesso problema. Ma per le famiglie, i numeri cambiano: il 45% non può mettersi in viaggio, contro una media europea del 28%. Un divario ancora maggiore c’è tra i nuclei di due adulti con due bambini a carico: in Italia non riesce a partire il 37,3%, in Ue solo il 21%.

Il nostro Paese non è però maglia nera: Croazia, Cipro, Grecia e Romania lo superano in quasi tutte le categorie. Dall’altro capo della classifica, cioè tra i Paesi dove in pochi hanno problemi a sbarcare il lunario e dunque non devono rinunciare alle vacanze, ci sono la Svezia (solo il 9,7% non può permettersi spiagge e svaghi), il Lussemburgo (10,9%), la Danimarca (12,2%), l’Austria (12,4%), la Finlandia (13,3%), l’Olanda (14,2%) e la Germania (14,5%).

Stampa
Condividi
Pubblicato da Redazione

Articoli recenti

Stati Generali della Moda, guardare al futuro

Il 7 luglio appuntamento con Ecomm Fashion la prima digital convention in un spazio virtuale per oltre 1500 aziende

13 ore fa

Brindiamo a via Margutta

Un cin cin lungo come Via Margutta per festeggiare la via più famosa di Roma densa di storia e di…

11 ore fa

Il turismo congressuale riparte con la Nuvola

Il centro congressi ospita il Congresso della Uil. Sasso (Eur spa): finalmente si riparte

13 ore fa

I detenuti giudicano magistrati e avvocati, in cucina

Prima serata ieri all’Isola Solidale del progetto “Tutto fumo e Niente arresto". Sfida culinaria tra giudici e legali. Nella struttura…

14 ore fa

Concorso fotografico: Obbiettivo Solidarietà

Un concorso fotografico, organizzato dalla Misericordia di Siena, il cui tema ci colpisce dritto al cuore: Covid e solidarietà

14 ore fa

Coldiretti Roma, parte il contenimento dei cinghiali

Sacchetti: “Un passo importante verso l’equilibrio ecologico, che garantisce sicurezza stradale e previene danni alle coltivazioni”

14 ore fa

L’importanza di riaprire la Roma-Giardinetti

La posizione dell’associazione TrasportiAmo: serve al territorio e per il distanziamento sociale

18 ore fa

Roma: usura, estorsione e riciclaggio a Porta Portese, 7 arresti

Dicevano di appartenere alla Banda della Magliana e ai Casamonica

1 giorno fa

Lazio, D’Amato: 11 casi, quarantena per chi viene da Bangladesh

Sette casi sono a Roma. Proseguono i test a tutti gli operatori sanitari e le Forze dell'ordine

1 giorno fa

Raid Roxy bar, Cassazione conferma condanne ai Di Silvio

Cassazione: nessun "pasticcio" , non risulta presentato alcun ricorso

1 giorno fa

Questo sito utilizza cookie.