torna su
08/05/2021
08/05/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Sono 42 i sottosegretari del Conte bis, 21 del M5S

Mentre 18 del Pd, 2 di Leu, 1 del Maie. Il Movimento conserva anche la maggioranza di viceministri. Intanto il neoministro dell’Economia archivia la flat tax

Avatar
di Redazione | 2019-09-13 13/09/2019 ore 12:00

(immagine di repertorio)

Sono 42 i sottosegretari del governo Conte: 21 i sottosegretari del M5s, 18 i Dem, 2 i rappresentanti di Leu, 1 del Maie. E’ quanto trapela da fonti governative.

Il Movimento conserva dunque una maggioranza di sottosegretari e anche di viceministri: ne avrà 6, mentre quattro saranno del Partito democratico.

Ecco i 42 sottosegretari del Conte bis

Mario Turco (M5s) alla programmazione economica e investimenti e Andrea Martella (Pd) all’Editoria sono i due nuovi sottosegretari alla presidenza del Consiglio.

Non risulta assegnata la delega ai Servizi, che dovrebbe tenere il premier Giuseppe Conte.

Ai Rapporti con il Parlamento andranno Simona Malpezzi (Pd) e Gianluca Castaldi (M5s).

Agli Affari europei Laura Agea (M5s).

Agli Esteri, con i viceministri Marina Sereni (Pd) e Emanuela Del Re (M5s), ci saranno da sottosegretari Ivan Scalfarotto (Pd), Manlio Di Stefano (M5s), Riccardo Merlo (Maie).

All’Interno con Matteo Mauri (Pd) e Vito Crimi (M5s), Achille Variati (Pd) e Carlo Sibilia (M5s).

Alla Giustizia Vittorio Ferraresi (M5s) e Andrea Giorgis (Pd). Alla Difesa Angelo Tofalo (M5s) e Giulio Calvisi (Pd).

All’Economia, con i viceministri Antonio Misiani e Laura Castelli andranno Pierpaolo Baretta (Pd), Alessio Villarosa (M5s) e Cecilia Guerra (Leu).

Al Mise sarà viceministro Stefano Buffagni e sottosegretari Alessandra Todde (M5s), Mirella Liuzzi (M5s), Gianpaolo Manzella (Pd), Alessia Morani (Pd). Alle politiche agricole Giuseppe L’Abbate (M5s).

All’Ambiente Roberto Morassut (Pd), alle Infrastrutture da viceministro Giancarlo Cancelleri (M5s) e da sottosegretari Roberto Traversi (M5s) e Salvatore Margiotta (Pd).

Al lavoro Stanislao Di Piazza (M5s) e Francesca Puglisi (Pd). All’Istruzione Lucia Azzolina (M5s) e Anna Ascani (viceministro Pd). Giuseppe De Cristofaro (Leu).

Alla Cultura Anna Laura Orrico (M5s) e Lorenza Bonaccorsi (Pd).

Alla salute viceministro M5s Pierpaolo Sileri e sottosegretario Pd Sandra Zampa.

Intanto sul fronte delle riforme, il neoministro dell’Economia Roberto Gualtieri archivia la flat tax: non si farà, precisa, la sfida è avviare una riduzione della pressione fiscale con un orizzonte sui tre anni.

Per Gualtieri, oggi a Helsinki per l’Eurogruppo e l’Ecofin, il tempo degli scontri con l’Europa è finito, si apre una fase nuova. Il ministro ricorda anche l’impegno per il disinnesco dell’aumento dell’Iva, e fa sapere che Quota 100 non si cambia, ma con la sua durata triennale andrà ad esaurimento.

Poi precisa che la manovra 2020 e lo scorporo dal deficit degli investimenti verdi sono due questioni diverse con tempi diversi, perché la riforma dell’ unione monetaria è su un piano distinto dal bilancio 2020.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25480 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014