torna su
25/09/2020
25/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Tutti i soldi del mondo, Kevin Spacey sostituito da Christopher Plummer

Il film, già pronto, sarebbe dovuto arrivare in sala il 21 dicembre. Ridley Scott l’ha girato a Roma e l’attore era in lizza per l’Oscar per questo ruolo

Avatar
di Chiara Laganà | 2017-11-9 9/11/2017 ore 13:21

Kevin Spacey in una scena del film Tutti i soldi del mondo. Sarà sostituito da Christopher Plummer © Tristar

Kevin Spacey sarà sostituito in Tutti i soldi del mondo da Christopher Plummer. Dopo le accuse di molestie, l’attore americano è stato “cancellato” dal film di Ridley Scott dedicato al sequestro Getty e girato in Italia. E di questo passo a farne le spese sarà la sua carriera.

Dopo la fine dell’accordo con Netflix per la serie TV House of Cards, un altro tassello a “inficiare” la carriera dell’attore premio Oscar. A causa delle denunce di molestie (sono arrivate a 14) che accusano Kevin Spacey di aver tentato di approfittare sessualmente di alcuni colleghi sul set, Ridley Scott ha deciso di eliminare Kevin Spacey dal film Tutti i soldi del mondo.

Al suo posto arriva l’attore Christopher Plummer e riprenderà il ruolo che Spacey aveva già interpretato, quello di Jean Paul Getty, per il quale si parlava già di una possibile nomination agli Oscar.

Tutti i soldi del mondo dovrebbe mantenere la sua data di uscita: il prossimo 22 dicembre. Secondo alcune fonti vicine alla produzione, citate da Deadline e Variety, Ridley Scott dovrebbe rigirare le scene con protagonista Kevin Spacey nelle prossime settimane e la data d’uscita dovrebbe rimanere invariata.

La decisione di eliminare Spacey dal film è stata presa mercoledì dalla Scott e Imperative Entertainment, la società di produzione del film ed è stata appoggiata dalla Sony. Nelle scene con protagonista Christopher Plummer dovrebbero essere coinvolti anche Mark Wahlberg e Michelle Williams.

È molto possibile che si debbano rigirare le scene visto che Spacey era uno dei protagonisti del film. Kevin Spacey avrebbe girato l’equivalente di due settimane, quindi è ancora possibile che il film arriverà in sala il 21 dicembre.

Tutti i soldi del mondo racconta il sequestro del rampollo di casa Getty, Paul Getty III, eseguito dalla ‘ndrangheta nel 1973 ed è basato sulla sceneggiatura di David Scarpa. Il nonno di Paul Getty III, Jean Paul, era l’uomo più ricco al mondo all’epoca ed era restio a pagare il riscatto di 17milioni di dollari all’organizzazione criminale calabrese.

A completare il cast di Tutti i soldi del mondo, oltre ai già citati Wahlberg e Williams, Charlie Plummer, recentemente visto a Venezia in Charley Thompson, e il francese Romain Duris. Tutti i soldi del mondo dovrebbe uscire in Italia il 21 dicembre distribuito da Lucky Red.

Kevin Spacey è stato recentemente coinvolto in uno scandalo di accuse di molestie sessuali da parte di un attore. Alla prima denuncia se ne sono aggiunte delle altre fino ad arrivare a 14 denunce, secondo quanto riporta USA Today. L’attore americano, premio Oscar per American Beauty, non è solo. Dopo il caso Weinstein, sono stati accusati di molestie sessuali anche Dustin Hoffman, il regista Brett Ratner e proprio ieri anche la star della serie TV Transparent, Jeffrey Tambor, è stato accusato di molestie. Ai nomi americani si aggiunge anche quello del regista italiano Giuseppe Tornatore che ha negato le accuse ed è passato a vie legali.

Intanto sul caso Weinstein, che ha dato il via a una vera e propria caccia delle streghe, Asia Argento ha pubblicato un documento esaustivo che raccoglie tutte le accuse di molestie a causa del produttore americano.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
748 articoli

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014