torna su
23/09/2019
23/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Berlinale 2019, La paranza dei bambini in concorso. Il programma

Fra le star Christian Bale, Agnès Varda mentre a Charlotte Rampling va l’Orso d’Oro. Dafne, Selfie, Flesh Out e Normal, altri titoli italiani da tenere d’occhio

Avatar
di Chiara Laganà | 2019-02-7 7/02/2019 ore 13:00

Berlinale al via la 69esima edizione

La Berlinale al via con la sua 69esima edizione, il Festival del Cinema di Berlino terminerà il 17 febbraio e ha – come sempre – un ricchissimo programma. Per l’Italia l’appuntamento da segnare è il 12 febbraio quando esordirà La paranza dei bambini, l’unico titolo italiano in concorso. 

Diretto da Claudio Giovannesi, ispirato all’omonimo romanzo di Roberto Saviano è uno dei titoli che potranno ottenere l’Orso d’Argento, assegnato dalla giuria internazionale presieduta dall’attrice francese Juliette Binoche e così composta il critico Justin Chang, l’attrice tedesca Sandra Hüller, il regista cileno Sebastián Lelio, il curatore americano Rajendra Roy e l’attrice inglese Trudie Styler. Le donne sono protagoniste anche nella scelta dei titoli in Concorso e nelle sezioni parallele, anche una grandissima donna, Charlotte Rampling, verrà premiata con l’Orso d’Oro alla Carriera. 

Su 18 film in concorso ben sette sono stati diretti da donne: la catalana Isabel Coixet porta il suo Elisa y Marcela, prodotto da Netflix; mentre c’è grande attesa per il nuovo film di Agnieszka Holland (Mr Jones) ed è anche diretto da una donna il film d’apertura, quello della danese Lone Scherfig con The Kidness of Strangers. In Amazing Grace, documentario fuori concorso, si parla della grandissima Aretha Franklin. Fuori concorso è anche il nuovo documentario di Agnès Varda, Varda par Agnès. 

Fra le star internazionali che si avvicenderanno sul red carpet berlinese: c’è attesa per la premiere internazionale di Vice di Adam McKay (fuori concorso), insieme a Catherine Deneuve e a due attori al debutto come registi: Jonah Hill e il suo Mid90s e il premio Oscar Casey Affleck e il suo Light of my Life. 

Fra i film che faranno certamente discutere: François Ozon firma un lungometraggio contro i pedofili nella chiesa, Grâce à Dieu, mentre Fatih Akin torna alla regia con un serial killer attivo ad Amburgo negli anni 70, The Golden Glove (Der Goldene Handschuh) è girato nel quartiere St. Pauli ed è ispirato a Fritz Honka che uccise quattro prostitute negli anni 70 nascondendo i loro corpi nel suo appartamento . L’indimenticabile Billy Elliott, Jamie Bell, veste i panni di un nazista in Skin di Guy Nattiv. In Mr. Jones di Agnieszka Holland, invece, protagonista, il giornalista gallese Gareth Jones morto a 35 anni nel 1933 interpretato dall’attore inglese James Norton. 

In concorso

L’adieu à la nuit (Farewell to the Night), André Téchiné– Fuori concorso
Amazing Grace, Alan Elliott – Fuori concorso
Der Boden unter den Füßen (The Ground beneath My Feet), Marie Kreutzer
Di jiu tian chang (So Long, My Son), Wang Xiaoshuai
Elisa y Marcela (Elisa & Marcela), Isabel Coixet
Der Goldene Handschuh (The Golden Glove), Fatih Akin
Gospod postoi, imeto i’ e Petrunija (God Exists, Her Name is Petrunya), Teona Strugar Mitevska
Grâce à Dieu (By the Grace of God), François Ozon
Ich war zuhause, aber (I Was at Home, But), Angela Schanelec
The Kindness of Strangers, Lone ScherfigFilm d’apertura
Kız Kardeşler (A Tale of Three Sisters), Emin Alper
Marighella, Wagner Moura – Fuori concorso
Mr. Jones, Agnieszka Holland
Öndög, Wang Quan’an
The Operative, Yuval Adler – Fuori concorso
La paranza dei bambini (Piranhas), Claudio Giovannesi (Italy)
Répertoire des villes disparues (Ghost Town Anthology), Denis Côté
Synonymes (Synonyms), Nadav Lapid
Systemsprenger (System Crasher), Nora Fingscheidt
Ut og stjæle hester (Out Stealing Horses), Hans Petter Moland
Varda par Agnès (Varda by Agnès), Agnès Varda – Fuori concorso
Vice, Adam McKay – Fuori concorso
Yi miao zhong (One Second), Zhang Yimou

Berlinale Special films:
ANTHROPOCENE: The Human Epoch, Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier, Edward Burtynsky
The Boy Who Harnessed the Wind, Chiwetel Ejiofor
Brecht, Heinrich Breloer
Celle que vous croyez (Who You Think I Am), Safy Nebbou
Es hätte schlimmer kommen können – Mario Adorf (It Could Have Been Worse – Mario Adorf), Dominik Wessely
Gully Boy, Zoya Akhtar
Lampenfieber (Kids in the Spotlight), Alice Agneskirchner
El Norte (The North), Gregory Nava
Peter Lindbergh – Women Stories, Jean Michel Vecchiet
Photograph, Ritesh Batra
Watergate – Or: How We Learned to Stop an Out of Control President, Charles Ferguson
Weil du nur einmal lebst – Die Toten Hosen auf Tour (You Only Live Once – Die Toten Hosen on Tour), Cordula Kablitz
Post, concert director, Paul Dugdale

Panorama – Breaking Free
La Arrancada (On the starting line), Aldemar Matias
Der Atem (The Breath), Uli M Schueppel
Breve historia del planeta verde (Brief Story from the Green Planet), Santiago Loza
Divino Amor (Divine Love), Gabriel Mascaro
Flesh Out, Michela Occhipinti (Italy)
Light of My Life, Casey Affleck
Normal, Adele Tulli (Italy, Sweden)
The Shadow Play, Lou Ye
Woo Sang (Idol), Lee Su-jin
37 Seconds, HIKARI
All My Loving, Edward Berger
BuoyancyRodd Rathjen
Dafne, Federico Bondi (Italy)
The Day After I’m GoneNimrod Eldar
A Dog Barking at the Moon, Xiang Zi
A Dog Called Money, Seamus Murphy
Estou Me Guardando Para Quando O Carnaval Chegar (Waiting for Carnival), Marcelo Gomes
Eynaym Sheli (Chained), Yaron Shani
La fiera y la fiesta (Holy Beasts), Laura Amelia Guzmán
Flatland, Jenna Bass
Greta, Armando Praça
Hellhole, Bas Devos
Jessica Forever, Caroline Poggi
Kislota (Acid), Alexander Gorchilin
Lemebel, Joanna Reposi Garibaldi
Mid 90s, Jonah Hill
Midnight Traveler, Hassan Fazili ed Emelie Mahdavian
Los miembros de la familia (Family members), Mateo Bendesky
Monos, Alejandro Landes
O Beautiful Night, Xavier Böhm
Šavovi (Stiches), Miroslav Terzić
Schönheit & Vergänglichkeit (Beauty and Decay), Annekatrin Hendel
Searching Eva, Pia Hellenthal
Selfie, Agostino Ferrente (France, Italy)
Serendipity, Prune Nourry
Shooting the Mafia, Kim Longinotto
The Souvenir, Jonna Hogg
Staff Only, Neus Ballús
Système K, Renaud Barret
Talking About Trees, Suhaib Gasmelbari
Temblores (Tremors), Jayro Bustamante
To thámva tis thálassas ton Sargassón (The Miracle of Sargasso Sea), Syllas Tzoumerkas
Western Arbas, Omar Shargawi
What She Said: The Art of Pauline Kael, Rob Garver

Berlinale Series

Hanna, Sarah Adina Smith (Amazon Prime)
M – Eine Stadt sucht einen Mörder (M – A City Hunts a Murderer), David Schalko (ORT)
Il était une seconde fois (Twice Upon A Time), Guillaume Nicloux (ARTE)
Störst av allt (Quicksand), Per-Olav Sørensen (Netflix)
8 Tage (8 Days), Rafael Parente – Peter Kocyla, diretta da Stefan Ruzowitzky, Michael Krummenacher (Sky Deutschland)
False Flag 2, Maria Feldman & Leora Kamenetzky, diretta da Oded Ruskin (Keshet)
Bedrag III (Follow the Money III), Jeppe Gjervig Gram, diretta Søren Balle (DR1)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
748 articoli

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014