Bimba in coma forse per un gioco finito male

Ha solo 3 anni ma rischia la vita al Bambin Gesù. Forse per un gioco, forse per fatalità, forse...Ma ora la bimba sta lottando per tenersi la sua piccola vita

Brutto gioco finito male? Fatalità? Forse. O tragedia carica di mille inquietanti domande?

La bambina che lotta fra la vita e la morte al Bambin Gesù, per ora, non ha nome ma solo l’eta: 3 anni.

Piccola e lasciata sola a giocare con tante cose intorno. Forse uno spago o una fascetta da elettricista mischiate alle bambole e ad altri giocattoli e il dramma si è compiuto. Così in P.zza Armania (quartiere S. Giovanni) nell’appartamentodi due egiziani la bimba si stringe al collo quel qualcosa che la porterà al coma, dopo la corsa in ambulanza. Pare sia stata la mamma a chiamare il 118 dopo aver trovato la figlia, ormai cianotica e senza respiro. Un primo ricovero ha accertato solo la gravità della situazione e poi è stata trasferita al Bambin Gesù.

E’ vero che i piccoli riescono inconsapevolmente a mettere a repentaglio, così per gioco, la propria vita in tanti momenti. Ma ci chiediamo da dove le è venuta l’idea e la forza per stringersi al collo uno spago o una fascetta tanto da finire in coma? Noi alla bambina, così vicina a perdere tutto, non possiamo che pensare con tanta tristezza e anche con la speranza che la situazione giri al meglio. Altrettanto, speriamo, che gli organi preposti indaghino con accuratezza e impegno su questa tragedia. Perchè il dramma di una piccola vita é , e deve essere, un dramma  che coinvolge tutti.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna