Covid e politica: una settimana thriller

Il premier Conte e il nuovo presidente Usa, Biden, sotto tiro di Renzi e Trump, sordi al disastro del virus e dell’economia

In Italia come negli Usa,  due leader, Giuseppe Conte e Joe Biden, sono  alle prese con il fuoco incrociato degli ex, rispettivamente, Matteo Renzi e Donald Trump,  che non demordono dal tentativo di restare sulla cresta dell’onda.

In Italia, a Roma, la sorte del premier Conte e del suo governo sono legate a un filo sottilissimo dopo il ritiro dei ministri di Italia Viva,  il partito guidato da Renzi.  Solo mercoledì prossimo,  conosceremo se i voti del Senato gli avranno fornito l’ossigeno sufficiente per andare avanti.

Oltreoceano negli Stati Uniti, a Washington,  il nuovo presidente, Biden, si appresta a un’incoronazione “blindata”, in un Paese dove una folla inferocita ha appena assaltato il Parlamento,  aizzata dall’uscente Trump, che non accetta la sconfitta elettorale e continua a considerarsi vittima di brogli.

In entrambi i Paesi poi,  l’economia dissestata dal Covid,  dovrebbe ricevere enormi sostegni finanziari. Negli Usa in settimana Biden dovrebbe confermare ben 1900 miliardi di aiuti. Tuttavia è sempre in agguato, con inevitabili riflessi anche in Europa e in Italia,  un grande crollo dei mercati, se l’azionario e l’ economia reale, continueranno a essere scollegati.

Anche il risultato delle vaccinazioni,  che nel giro di un anno dovrebbero metterci al riparo definitivamente dal terribile virus,  comincia ad essere minacciato dalle continue mutazioni del Covid. E in questi giorni ulteriori sperimentazioni dovrebbero confermare o meno la validità del vaccino per tutto l’ampio spettro delle mutazioni.

Per usare un’immagine dell’ex leader del Pd, Pier Luigi Bersani, intervistato da Fabio Fazio a “Che Tempo che fa”, i politici dovrebbero avere l’umiltà di mettere l’orecchio per terra , come gli indiani. “Siamo in una pandemia – ha sottolineato – che ha provocato 80mila morti e qualche milionata di feriti gravi in economia”.

Purtroppo gli indiani, attenti a prevenire l’arrivo del pericolo non vivono più qui. E non possono insegnare ai politici ad “ascoltare” le angoscianti incognite che ha ancora di fronte la gente che li ha votati. Non si rendono conto della nuova e decisiva  responsabilità che hanno al tempo del Covid. Soprattutto il centrosinistra, che dopo la sortita di Renzi, ormai solo riunito tutto in un unico grande progetto,  potrà tornare credibile e farci sperare.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna