Iran: davanti all’ambasciata a Roma la donna imprigionata di Harry Greb

Iran W è dedicata a Masha Amini, morta dopo essere stata arrestata dalla polizia religiosa che le contestava di non indossare correttamente il velo

L'opera dell'artista Harry Greb davanti l?ambasciata iraniana a Roma

Iran W è l’ultima opera dello street artist Harry Gran apparsa davanti alla sede dell’ambasciata iraniana aa Roma, in via Nomentana. L’illustrazione, sulla parete di una pensilina degli autobus, ritrae una donna coperta da un burqa, con lo sguardo rivolto all’edificio dell’ambasciata, lacci intensità sembra avere il potere di infrangere le sbarre (in parte infrante) che ricoprono il rettangolo concesso alla vista altrui. Accanto vola una colomba bianca, con il volto di Masha Amini, come emblema di una libertà mai avuta. Libertà che campeggia sopra la donna, simbolicamente scritta al contrario come segno di protesta.

L’opera dell’artista fa riferimento al moto di proteste dopo la morte della ragazza iraniana, arrestata 45 giorni fa a Tehran dalla polizia religiosa, perché accusata di non indossare correttamente il velo.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna