Ostia, duemila persone per la manifestazione di Libera e Fnsi

Domani sit in alle 17 in piazza Anco Marzio. Marco Genovese, referente di Libera Roma: "Le coscienza vanno formate e questo è sicuramente un processo lungo"

La manifestazione a Ostia
La manifestazione a Ostia (Foto Omniroma)

Saranno più di 60 le associazioni presenti domani ad Ostia per la manifestazione indetta da Fnsi e Libera a favore della legalità e per la libertà di stampa. Il sit in alle 17 in piazza Anco Marzio segue la manifestazione di sabato scorso.

‘La partecipazione al voto è la risposta  più forte che può dare Ostia”, ha detto il ministro dell’Interno  Marco Minniti durante un incontro indetto dalla Federazione nazionale  della Stampa dopo l’aggressione a Ostia, da di Roberto Spada, contro il giornalista Daniele Piervincenzi e il filmaker Edoardo Anselmi del programma ‘Nemo’ della Rai.

Le  forze dell’ordine ”saranno lì per garantire la libertà di voto – ha detto il ministro – e lo  faremo nella maniera più discreta possibile. Anche proteggere il voto  da condizionamenti e ingerenze deve essere fatto in maniera discreta,  non può essere fatto militarizzandolo”. In una democrazia, aggiunge,  ”va trovato sempre il giusto equilibrio”.

Dunque, ci saranno due mila persone in piazza ad Ostia. Marco Genovese, referente di Libera Roma, dice che “sta crescendo l’interesse per questo evento. La libertà di stampa è fondamentale per riportare la legalità. Certo bisogna lavorare giorno per giorno sul territorio, perché le coscienza vanno formate e questo è sicuramente un processo lungo, ma sicuramente c’è tanta parte della società civile che vuole fare un discorso del genere”.

Intanto l’Ordine dei Giornalisti del Lazio comunica che ” seguito dell’aggressione ai giornalisti del programma ‘Nemo’ della Rai domani l’Ordine dei giornalisti del Lazio proseguira’ i lavori del suo consiglio ad Ostia, davanti alla palestra di Roberto Spada, luogo del pestaggio. Una presenza simbolica, in adesione alla manifestazione organizzata dalla Fnsi e Libera, che vuole ribadire la volonta’ dell’Ordine di tutelare e riaffermare il diritto di informare ed essere informati e confermare la solidarieta’ a tutti i cronisti fatti oggetto di minacce, violenze e prevaricazioni”

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna