Rave a Valentano, insorgono anche i sindaci della Maremma: “Lo Stato intervenga”

La mega festa abusiva sta interessando anche i comuni maremmani al confine tra Toscana e Lazio. Paura per il Covid

L’illegale rave party che si sta consumando dal giorno di Ferragosto nel comune di Valentano (Viterbo) è un attacco frontale ai territori e alla popolazione dei comuni limitrofi”. Lo affermano in un comunicato stampa unitario i sindaci toscani di Manciano, Pitigliano e Sorano (Grosseto) riguardo al raduno a cui da giorni stanno partecipando migliaia di giovani da tutta Italia e anche dall’Europa.

La mega festa abusiva sta interessando anche i comuni maremmani al confine tra Toscana e Lazio, con transiti di numerosi partecipanti. “Questo raduno illegale – affermano i sindaci di Manciano Mirco Morini, di Pitigliano Giovanni Gentili, di Sorano Pierandrea Vanni – è una vera e propria incursione nei confronti dei nostri territori e in primis di quello del vicino comune di Valentano, da parte degli organizzatori e dei partecipanti di questo rave, che inevitabilmente stanno minando in queste ore le attività economiche, in piena stagione turistica, e la sicurezza e la tranquillità dei cittadini, anche dal punto di vista sanitario”.

“Nel prendere atto con profonda amarezza che lo Stato non si sia dimostrato capace di prevenire, per di più durante una pandemia da Covid-19 in corso dal 2020, tale clamorosa manifestazione di illegalità da ogni punto di vista, noi sindaci – sottolineano – riteniamo che a oggi non sia stato assicurato un adeguato e continuo controllo dei territori di questi tre comuni, con un impiego straordinario di forze dell’ordine nonostante la massiccia presenza fissa o mobile di migliaia di persone arrivate per partecipare al rave e che stanno iniziando a gravitare anche nelle nostre zone”. “Chiediamo – concludono – una maggiore attenzione e un profondo impegno anche da parte della prefettura di Grosseto per gestire questa situazione che non sappiamo ancora a cosa porterà e né quando finirà”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna