Rave Viterbo: fonti Viminale, Lamorgese segue vicenda, al lavoro per ripristinare legalità

Iniziano le operazioni di sgombero, nella notte si è registrato un forte deflusso di partecipanti che hanno abbandonato l'area con auto o con i camper, non prima di essere identificati dalle forze dell'ordine presenti ai posti di blocco

È ormai un caso alla ribalta nazionale quello del rave party organizzato a Viterbo, nel quale non vige alcune norma covid e nel quale hanno anche perso la vita due persone.

Migliaia di persone che da giorni occupano le sponde del lago di Mezzano, al confine tra Lazio e Toscana. Paventare lo sgombero è molto difficile, anche se da giorni, anche grazie all’interesse del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, qualcosa sembra muoversi.

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, segue costantemente l’evolversi della situazione nella provincia di Viterbo dove è in corso un rave party. E’ quanto si apprende da fonti del Viminale. Le forze di polizia, si apprende dalle stesse fonti, nella consapevolezza anche delle gravi preoccupazioni delle comunità locali, stanno lavorando con grande senso di responsabilità ed equilibrio per ripristinare la legalità nel più breve tempo possibile. È necessario lasciar operare le autorità provinciali di pubblica di sicurezza secondo la loro specifica competenza tecnica, professionalità ed esperienza, concludono le fonti.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna