Rifiuti, sindaco di Albano: “Non saremo la pattumiera di Roma”

"Questo premio arriva in un momento particolare. Sembra quasi una beffa essere tra i comuni più virtuosi e poi dover sopperire alle carenze di altri che questo virtuosismo non sanno che cosa sia". Lo ha detto il Sindaco di Albano Massimiliano Borelli, ricevendo il premio come 'Comune virtuoso' per la raccolta differenziata dei rifiuti

“Questo premio arriva in un momento particolare. Sembra quasi una beffa essere tra i comuni più virtuosi e poi dover sopperire alle carenze di altri che questo virtuosismo non sanno che cosa sia”. Lo ha detto il sindaco di Albano Massimiliano Borelli, ricevendo il premio come ‘Comune virtuoso’ per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Borelli, riferendosi all’ordinanza della sindaca Virginia Raggi, firmata la scorsa settimana per la riapertura della discarica di Albano, dove andranno i rifiuti della Capitale, aveva sottolineato la sua rabbia e il suo dispiacere anche in post su Facebook: “Poi succede, in queste ore che non bastano mai, che arrivi l’invito per ritirare un premio. Bello! A Roma, nello splendido scenario del Tempio di Adriano, vengono premiati i Comuni del Lazio eccellenze nella Raccolta differenziata dei rifiuti. Il primo impulso è stato di rabbia. Non vado, noteranno l’assenza!”, ha scritto il sindaco sul sua pagina social.

“Ho riflettuto, e ho deciso, di esserci, perché il riconoscimento non va al sindaco, va ai tantissimi cittadini che si sono impegnati in questi mesi, resi ancor più difficili dalla pandemia, per fare bene all’ambiente ed al nostro territorio – ha proseguito nel post -. Va agli amministratori che mi hanno preceduto, a quelli che sono ancora con me, agli operatori della Volsca, che ogni giorno lavorano per garantire il servizio. Vado, e colgo l’occasione per ribadire quanto siamo stati bravi, quello che stiamo facendo e le sacrosante ragioni per le quali non vogliamo che Roncigliano diventi la pattumiera di Roma”, ha concluso il sindaco.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna