Trasporti: ripresa circolazione su A1 e ferrovie Roma-Firenze

dopo la conclusione delle operazioni di bonifica dell'ordigno bellico risalente al secondo conflitto mondiale, ritrovato ad Orvieto

Italia divisa di fatto in due per alcune ore. Autosole chiusa in entrambe le direzioni tra Orte e Valdichiana e blocco della circolazione ferroviaria sulla linea alta velocità Roma-Firenze e su quella “lenta” stamani per le operazioni di disinnesco di un residuato bellico trovato nel greto del fiume Paglia, nell’orvietano. Con l’Italia che di fatto è così divisa in due. Intorno all’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione americana da 500 libbre, è stata creata un’area di sicurezza di 826 metri. Che ha portato all’evacuazione di circa 2.400 residenti nell’area.

Alle 9:05 la circolazione è ripresa sull’Autostrada A1 Milano-Napoli e sulle linee ferroviarie Roma-Firenze ad alta velocità e Roma-Chiusi “lenta”.

Come riferisce la prefettura di Terni, alle ore 8:57 sono state “rimosse le spolette”, rendendo l’ordigno “non più pericoloso”.

Alle 9:13 è stato “rimosso il divieto di accesso all’area del sito di disinnesco” e la popolazione ha potuto “fare rientro presso le proprie abitazioni in osservanza del programma stabilito nelle riunioni tecniche”, mentre alle 9:15 è stato rimosso anche il divieto di sorvolo.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna