Realizzato il sogno di Michelangelo: spunta sul Tevere il Ponte Farnese, ma è di cartone

Costruito da centinaia di volontari - tra cui bambini e studenti - sarà tenuto in sospensione da tre grandi palloni aerostatici, frutto del genio dell'artista francese Olivier Grossetête. Il progetto è un'iniziativa dell'Ambasciata di Francia insieme all'Institut Français Italia, con il sostegno del gruppo Webuild e in collaborazione con Villa Farnesina-Accademia dei Lincei

Il sogno di Michelangelo Buonarroti di collegare l’Ambasciata di Francia e villa Farnesina, attraversando il Tevere con un ponte sarà realizzato: costruito in cartone da centinaia di volontari, tra cui bambini e studenti, spunterà a Roma ‘Ponte Farnese’.

Sarà lungo 18 metri, sarà fatto di cartone e tenuto in sospensione da tre grandi palloni aerostatici, frutto del genio dell’artista francese Olivier Grossetête su iniziativa dell’Ambasciata di Francia insieme all’Institut Français Italia, con il sostegno del gruppo Webuild e in collaborazione con Villa Farnesina-Accademia dei Lincei. Il Ponte Farnese, che viene realizzato con un progetto dal nome artistico di “Ponte fra le Epoche”, sarà inaugurato la sera del 13 luglio, con il sollevamento dell’opera nel tratto di Tevere vicino a Ponte Sisto, e rimarrà sospeso ad un’altezza di 18 metri fino al 18 luglio, per poi essere disinstallato e, il cartone utilizzato per la costruzione, interamente riciclato.

 

La costruzione è stata realizzata in una sorta di cantiere “volante” con laboratori e workshop aperti a persone di tutte le età, con le linee guida dell’artista francese e in presenza della sua squadra. Grossetête non è nuovo a questo tipo di architetture temporanee: opere simili sono state installate in Francia, Spagna, Cina o Russia.

Per il Ponte Farnese, Grossetête si è ispirato al progetto che nel XVI secolo venne commissionato a Michelangelo da Papa Paolo III con l’intento di creare un collegamento tra Palazzo Farnese e i giardini che la famiglia possedeva sull’altra sponda del Tevere, dove oggi sorge Villa Farnesina, sede dell’Accademia dei Lincei. Abbandonato alla morte di Papa Paolo III, il progetto rivive oggi con una modalità artistica basata sul principio della partecipazione collettiva, riprendendo i tratti del progetto di Michelangelo di cui l’unico segno esistente è l’arco dei Farnese di via Giulia.

“Il Gruppo Webuild, – è scritto in una nota – che ha costruito 1.000 km di ponti nel mondo, sostiene quest’iniziativa come simbolo di speranza per la ripresa post Covid, traendo ispirazione dalla storia del Rinascimento quando Roma è tornata a vivere momenti di splendore artistico ed architettonico, grazie a clienti illuminati, proprio come Papa Giulio II o Papa Paolo III Farnese, che hanno immaginato opere straordinarie. La loro eredità ha attraversato i secoli e ci è arrivata intatta, ricordandoci che anche oggi le grandi infrastrutture e opere dell’ingegno possono rappresentare la leva per la ripresa a livello globale”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna