torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Rifiuti, cercasi (disperatamente) discarica. Ma Raggi non cede

Tra poche settimane il sito di Colleferro chiuderà e Roma non ha ancora trovato un sito. E ricorrere ancora all’estero significherebbe aumentare la Tari…

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2019-12-16 16/12/2019 ore 18:00

(immagine di repertorio)

Ancora cassonetti stracolmi, con la spazzatura che si regge in bilico fino a cadere a terra. Tra gli addobbi natalizi, a rovinare la festa, ci pensano infatti i secchioni dell’Ama che strabordano e, ormai malconci, mettono a dura prova la responsabilità dei romani nel gettare correttamente i rifiuti.

Che cosa significa? Semplice, Roma non ha una discarica e i risultati si vedono. A una settimana da Natale, Roma e la sua amministrazione sono ancora a caccia di una discarica in grado di decongestionare lo smaltimento della spazzatura, che ha ricominciato lentamente a sommergere strade e marciapiedi. Uno psicodramma apparentemente senza soluzione. Il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, ha addirittura chiesto l’intervento del ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, affinché si attivi per individuare il sito rifiuti più adatto.

Ma il sindaco di Roma sull’argomento discarica sembra non capire la gravità della situazione. Da Ama ai tecnici sono infatti tutti d’accordo, l’unico no resta quello di Raggi. La sindaca non vuole una discarica sul territorio della Capitale, o almeno non prima che la Pisana approvi in via definitiva il piano rifiuti. Se non fosse che il sito di Colleferro, dove Roma conferisce circa mille tonnellate di indifferenziata, chiuderà il 15 gennaio 2020, tra un mese esatto. L’alternativa serve con urgenza e non consente grandi programmazioni.

Si può ovviare con un trasferimento “tampone” all’estero, una gara ponte per coprire il tempo necessario a realizzare un sito sul territorio, e Ama già ci sta lavorando. Ma sono operazioni molto costose, lo ha ammesso lo stesso amministratore unico di Ama Stefano Zaghis, scelto a settembre dalla sindaca pescando nel cilindro dei suoi nomi più fidati. “Saranno 190 milioni di euro nel 2020. Pagheranno i cittadini”. Tradotto: la strada dell’estero, se a lungo termine, prevede necessariamente un aumento della Tari, la tassa sui rifiuti che a Roma è già tra le più alte d’Italia. Mossa che il Campidoglio non può certo permettersi. E allora?

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014