Alitalia a terra con Ue e crisi di governo

Prima i chiarimenti dell'Ue, ora la richiesta di cambio brand. E infine la crisi di governo

L’Europa tiene a terra Alitalia. E non solo perché ha chiesto chiarimenti sulla Newco. Ma anche perché l’Italia dovrà abbandonare il marchio Alitalia, che esiste da 75 anni, se vuole che la Commissione europea approvi il piano di rilancio della compagnia aerea, come si evince da una lettera di Bruxelles pubblicata dall’Espresso. Sullo sfondo, una crisi di governo che può costare l’intero rilancio della compagnia, per mano pubblica.

Alitalia, da anni in perdita, ha resistito a 11 anni di burrascosa gestione privata e tre tentativi falliti di ristrutturazione, con il governo che tenta ora di nazionalizzare e rilanciare la compagnia di bandiera dopo che la crisi del coronavirus ha mandato all’aria i piani per la cessione. “Il marchio Alitalia non dovrebbe essere mantenuto dalla NewCo, poiché è un indicatore emblematico di continuità”, ha scritto l’Unione europea nella lettera pubblicata dall’Espresso.

Nella comunicazione, con data 8 gennaio, si chiede inoltre a Roma di lanciare un “bando di gara aperto, trasparente, non discriminatorio e senza condizioni” per rinunciare agli asset di Alitalia, rifiutando l’idea che la vecchia compagnia aerea possa vendere i propri asset alla nuova società nell’ambito di una trattativa privata. Un rappresentante della Commissione Ue ha detto che Bruxelles non ha commenti da fare relativamente all’articolo e che è in contatto con le autorità italiane in merito alla questione e non può quindi rilasciare commenti sulle discussioni in corso.

Mai dimenticarsi che l’Ue può bloccare il finanziamento di 3 miliardi di euro che l’Italia vorrebbe destinare alla nuova Alitalia, ostacolando le ambizioni di Roma per la compagnia aerea.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna