Alitalia, ci siamo? Forse, o forse no

Il ministro Franco ostenta ancora una volta ottimismo sulla chiusura della partita. E Giorgetti vola a Bruxelles. Un segnale?

Alitalia, forse ci siamo. Quante volte lo abbiamo detto o sentito. Eppure, a sentire il ministro dell’Economia, Daniele Franco, ci siamo davvero. “Subito dopo la partenza di Ita si porrà la questione di eventuali partner, sappiamo che vi sono partner interessati ma è qualcosa che affronteremo nella fase successiva. Penso che si riconosca il valore del brand Alitalia e verrà comunque mantenuto”, ha messo in chiaro Franco.

Alitalia “è un dossier che si trascina da un po’ di tempo, ci stiamo avvicinando a una soluzione, un accordo con la commissione Ue per l’avvio della nuova Ita, la questione importante da parte della commissione è che vi sia discontinuità per la questione degli aiuti di Stato, a breve dovremo trovare questa soluzione e consentire a Ita di partire”, ha spiegato poi il ministro.

Peccato che si trascina da un po’ di tempo, per ammissione dello stesso ex Ragioniere dello Stato. “Alitalia è un dossier che si trascina da un po’ di tempo. Ci stiamo avvicinando a un accordo con la Commissione europea per far partire la nuova compagnia Ita. A breve dovremmo trovare questa soluzione. Poi si porrà la questione di eventuali partner, ma questo verrà in una fase successiva“.

Intanto, mercoledì la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager incontrerà il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Il giorno dopo quest’ultimo avrà un colloquio con il primo vicepresidente della Commissione Frans Timmermans. Il dossier più importante per la Concorrenza é quello di Alitalia. Siamo alle ultime battute e ci si aspetta una decisione sul caso la prossima settimana. Il ministro dell’economia Franco ha indicato ieri che un’intesa con Bruxelles é vicina.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna