Il lockdown mette a secco i benzinai. Allarme Confesercenti

Persi già tre miliardi a causa della minor circolazione dei mezzi. Ora serve un intervento del governo. Il caso degli agricoltori vicino Roma

cof

Il lockdown ed il conseguente crollo delle vendite di carburanti stanno mettendo in ginocchio i benzinai, e migliaia di impianti sono a rischio fallimento.  In fumo, per le mancate vendite, sono andati quasi 3 miliardi. Al momento, però, il confronto con il governo, aperto la scorsa settimana a seguito di una denuncia lanciata dalle Federazioni di categoria nazionali, seppur positivo nelle affermazioni e proponimenti, non si è concretizzato. A dichiararlo è la Faib Confesercenti, che lamenta l’allontanarsi di soluzioni fiscali ed economiche che pure erano state ipotizzate nel corso del confronto.

“La distribuzione carburanti – dichiara Martino Landi, presidente nazionale Faib Confesercenti – è tuttora attiva e garantisce i rifornimenti sia in sola modalità self-service, con accettatore di banconote o carte, sia in modalità servito. Ma siamo allo stremo.”

“Nonostante siano stati firmati accordi con i principali fornitori petroliferi – sottolinea ancora Confesercenti sui benzinai – per attenuare il peso economico che grava sulle gestioni a fronte dei costi, molti dei quali rimasti invariati, i punti vendita hanno perso nel mese di marzo il 90% dei ricavi”. E pensare che, come risulta a Radiocolonna.it, vicino Roma molti agricoltori incontrano difficoltà nell’approvvigionarsi di carburante per i mezzi agricoli. Un bel problema.

“Ora rischiano il fallimento. In particolare, alcuni costi fissi di gestione dei benzinai, utenze e servizi ed il costo sostenuto per il personale rappresentano un peso economico insopportabile per le gestioni. Oggi i nostri impianti hanno un ricavo lordo che potremmo stimare in poco più di 10 euro al giorno derivante dai carburanti”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna