14 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Il governo giallorosso fa bene ad Atlantia (e a Fiumicino?)

Se viene meno la revoca delle concessioni grazie al Pd gli investimenti sullo scalo romano sarebbero più sicuri

Il governo  a maggioranza M5S-Pd portano bene a Piazza Affari alle azioni di Atlantia, la holding dei Benetton che controlla anche Adr, a sua volta gestore degli scali romani di Ciampino e Fiumicino. Dopo una seduta interlocutoria di ieri, il titolo ha cominciato a crescere in Borsa.  A favorire lo scatto di Atlantia è stata la notizia che il presidente del Consiglio  Giuseppe Conte, ha sciolto positivamente la riserva e accettato l’incarico, comunicando che nella nuova squadra di governo la casella del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sarà occupata da Paola De Micheli.

Già questa mattina i rumor di stampa indicavano la nomina della vicesegretaria del Pd come un altro elemento favorevole a una soluzione morbida sul dossier delle concessioni autostradali, che il M5S aveva ripetutamente minacciato di revocare sin dalla tragedia del crollo del ponte Morandi a Genova dell’agosto del 2018. Senza una revoca delle concessioni, Atlantia potrebbe mettere in sicurezza gli investimenti destinati al Leonardo Da Vinci. Intanto proprio Fiumicino diventa sempre più stretto il legame tra Roma e la Cina. L’aeroporto Leonardo da Vinci nel giro di pochi anni è diventato tra i top leader in Europa per numero di destinazioni servite e di vettori attivi per i collegamenti con il paese asiatico. Raggiungono così quota dodici le città della Greater China direttamente collegate con l’aeroporto di Fiumicino, grazie anche a tre nuovi collegamenti diretti con altrettante nuove destinazioni cinesi e in virtù dell’arrivo a Fiumicino della nuova compagnia aerea, Sichuan Airlines. Hangzhou (tre voli a settimana), Shenzhen (due voli a settimana) e Chengdu (tre voli a settimana), queste le tre nuove destinazioni con volo diretto da Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014