Quell’angolo di Roma tra i Castelli Romani e il mare dimenticato da Virginia Raggi – FOTOGALLERY

Rifiuti, strade dissestate e discarica: guida ad uno degli angoli meno conosciuti della Capitale

Pochi romani sarebbero in grado di immaginare che un lembo di territorio incastonato tra i Castelli Romani e Pomezia faccia parte di Roma. Eppure questo angolo di campagna, dove si trovano villette, casolari e piccoli condomini, fa parte del Municipio IX della Capitale, quello di Eur, Laurentino e Spinaceto. Siamo sulla direttrice che collega Cecchina, la Via del Mare e Pavona, secondo la leggenda il luogo abitato da Giuturna, amante di Giove cui il dio supremo dell’Olimpo romano diede in dono i corsi d’acqua, rendendola una ninfa. In onore di Giuturna fu eretto uno splendido tempio a Campo Marzio, oggi Torre Argentina, con cui i romani vollero celebrare una storica vittoria contro i cartaginesi sulle coste occidentali della Sicilia.

Oggi in quest’area della leggenda acquifera romana è rimasto solo il Laghetto, una sorgente che sgorga nel comune di Castel Gandolfo, perché è la cronaca, più che la mitologia, a destare maggior interesse e preoccupazioni. Qui, infatti, si vive il disagio dei territori di confine, quelli al centro di dispute amministrative, imbrigliata nella giungla delle competenze e che rischiano di essere dimenticate da tutti: troppo distante da Roma, lontana dal centro di Albano e di Castel Gandolfo, un punto di passaggio che taglia a croce la Via del Mare e la Via Nettunense fino ad arrivare a Santa Palomba, la stazione ferroviaria di Pomezia.

I residenti descrivono una situazione al limite della vivibilità: sporcizia in ogni angolo del quartiere, prostituzione a cielo aperto, piccole discariche che si autoalimentano grazie all’inciviltà, agli ampi spazi e alla sorte poco benevola di essere un luogo di transito, sito perfetto per lasciare un frigorifero, uno scaldabagno e poi dileguarsi nell’oscurità. Non va meglio per quanto riguarda la condizione delle strade e dell’asfalto: qui il poderoso piano-buche voluto da Virginia Raggi – rattoppate in grande quantità a pochi mesi dalle elezioni – è una leggenda: se n’è sentito parlare ma nessuno l’ha mai visto, considerato che la condizione del manto stradale ricorda alcune strade del Terzo Mondo e non quelle di una grande capitale europea. L’amministrazione capitolina si è dimenticata di quest’angolo di Roma, avamposto sud-orientale dei suoi confini.

O forse no, visto lì dietro, a Roncigliano, il sindaco di Roma e della Città Metropolitana ha firmato il provvedimento di riapertura di una discarica aperta illegalmente negli anni Ottanta e che oggi rappresenta una delle poche ancore che possono salvare la Capitale dal caos rifiuti. Albano Laziale è al terzo posto tra i comuni laziali sopra i 5mila abitanti più virtuosi sul fronte della raccolta differenziata, visto che nel 2020 i residenti hanno differenziato quasi l’80% dei rifiuti. Nonostante le denunce dei residenti e il tenace impegno del sindaci locali – in primis quello di Massimiliano Borrelli, sindaco di Albano – oggi questa zona si ritrova con strade dissestate, cumuli di rifiuti a due passi dalle abitazioni e una metropoli limitrofa che sta inviando tir carichi di tonnellate di spazzatura verso il proprio territorio. Non il massimo per un’area che dovrebbe avere il favore degli dei.

Approfondimento nei dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna