Roma si legge: maltempo, rifiuti e prime critiche al nuovo corso di Gualtieri – PODCAST

Finita la luna di miele tra la stampa e il nuovo sindaco: da Spelacchio alle nomine dei "dalemiani", alla pulizia straordinaria che stenta a partire

Ecco le principali notizie della giornata dalla rassegna stampa a cura di Marco Moretti che potete ascoltare anche in versione podcast (cliccare qui).

Per portare un po’ di emergenza climatica alle nostre latitudini e per non parlare sempre delle solite piogge autunnali che a Roma diventano puntualmente allarmi, la Repubblica ci porta ad un giorno molto vicino, lo scorso 7 novembre: “Il giorno più caldo della storia. Domenica in città raggiunti i 26 gradi. Mai una temperatura così elevata in questo mese. Roma è la capitale europea che rischia di pagare il prezzo più alto per il cambiamento del clima”.

Carissimo Spelacchio

E sempre per tenerci lontani da immondizia e cinghiali l’articolo “lo scherzo di Natale di Raggi. Gualtieri e i 169mila euro per Spelacchio”. Quella è la cifra che dovrà sborsare il Comune per garantire alla città l’albero di piazza Venezia e questo perché l’amministrazione grillina non ha rinnovato la sponsorizzazione annuale con Netflix, trovare un nuovo fornitore di alberi di Natale non è stato un problema ma a pagamento.
Duro attacco del direttore del Tempo Franco Bechis: “Sveglia signor sindaco Gualtieri come primo gesto ufficiale è andato a far visita alla libraia di Tor Bella Monaca che si era rifiutata di vendere il libro di Giorgia Meloni – scrive Bechis – era quello che attendevano con ansia i cittadini di Roma. Ma è ora di finire il giro di PR, il prolungamento della campagna elettorale e le piacevoli feste tra amici. La situazione di Roma è grave, bisogna darsi una sveglia, non è più colpa della Raggi e le lune di miele non possono essere infinite”.

I dalemiani di Gualtieri, secondo il Corriere

Nel vocabolario della politica italiana la parola dalemiano non è mai scomparsa, ciclicamente torna, oggi lo fa il Corriere per occuparsi di due nomine fatte da Gualtieri: il manager di Ama Angelo Piazza e Livia Turco all’Ipab: “L’eterno ritorno dei ministri anni 90. È impressionante – dice Tommaso Labate – il numero degli ex ministri del primo governo D’Alema poi tornati in campo”, ma Labate all’analisi politica del fenomeno preferisce il colore.

I rifiuti di Roma a Napoli

Non è invece di colore il pezzo di Repubblica sull’emergenza rifiuti. “La Regione chiama Napoli”. La Regione ha già sentito il neosindaco di Napoli Manfredi e ottenuto il primo via libera. In Campania potrebbero finire fino a 150 tonnellate al giorno di immondizia capitolina”.
Dal Messaggero: “Multe, un nuovo database per aumentare la riscossione. Un sistema informatizzato centrale per riunire tutti i dati sulle multe”. E questo perché tra ritardi, errori e ricorsi l’amministrazione comunale riscuote appena il 25 per cento delle multe.

La Corea alla Casa del Cinema

La Corea della musica con il K pop, la Corea del cinema con film che vincono Oscar e serie che hanno tanto successo da risanare il bilancio di Netflix sono ora alla prova della Rassegna di film e documentari, accompagnati da cooking show ‘Korea wee’ che si apre oggi alla Casa del Cinema. Leggiamo sul Corriere “un viaggio nel tempo tra modernità e tradizione per mostrare le diverse identità di un paese sempre più ricercato e amato”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna