Ospitalità abusiva: a Roma crescita senza freni

Anche volendo chiudere gli occhi e azzerare il buon senso civico è evidente che il Centro sta diventando il regno dell'accoglienza "fantasma"

“Tolleranza zero per ogni forma di abusivismo…” dichiarava l’assessore di Roma Capitale, Adriano MELONI. Era il non lontano 1° trimestre 2018. Da allora le cose sono nettamente peggiorate e i numeri dell’ospitalità “in nero” continuano a crescere.

Nella maggior parte delle case del centro, nel silenzio legale più totale, esistono le famose “case vacanze” per turisti, quindi a contratto brevissimo e MAI REGISTRATO. Sul citofono non appare nulla di indicativo. Chi ci abita, regolarmente, è vessato dal via vai rumorosissimo delle ruote dei trolley, dal ricambio settimanale dei dirimpettai, dall’andirivieni degli omini con il cambio della biancheria. E in certi momenti di sconforto vien da domandarsi se l’affitto che si versa tenga conto degli effettivi disagi che derivano dal comportamento dei condomini “furbetti”. In alcuni palazzi si sente forte la spinta alla class action e alla delazione. L’amministratore dei condomini interessati vede aumentare e diminuire a fisarmonica la spazzatura e le multe che fioccano per il non rispetto della differenziata.

Addirittura nella Capitale proliferano “alberghi fantasma”, sempre pieni grazie al solo passa parola. Anche qui nessun segno della presenza della fraudolenta ospitalità. Numeri certi, ovviamente, non ce ne sono. E’ tutto spannometrico: il Comune parla di 9.803, la Camera di Commercio di 2.865 i social invece danno ben altre cifre, circa 42.000 (metà delle quali gestite da Airbnb).

L’affitto fantasma rende bene al proprietario di casa che NON VERSA MAI la dovuta TASSA di Soggiorno, e che ride a crepapelle in caso di sanzione: 50Euro!!!!. Intanto il Comune piange perchè l’evasione di tasse e oneri ormai ammonta a diversi milioni. Mentre la Procura capitolina indaga, Federalberghi si straccia le vesti e il Sindaco Raggi (sindaco del cambiamento) non muove un dito, gli “alloggi ombra” crescono come funghi. C’è anche da ricordare che il più delle volte questi luoghi di soggiorno non sono affatto a norma, quindi potenzialmente pericolosi. E che, in questo momento di pericolo terrorismo, anche molti ospiti potrebbero rivelarsi assolutamente sgraditi (purtroppo l’abbiamo visto verificarsi in questi anni all’estero!). Senza la dovuta registrazione NON ESISTE un controllo attento dei documenti da parte delle forze dell’ordine!

E poi le chiavi dei portoni delle nostre case, che girano da uno sconosciuto all’altro, da un continente all’altro. Gravi rischi corre la Capitale continuando a navigare nel sommerso!! E questa è forse la nube più greve che può abbattersi su Roma!

I supermarket del centro sono ormai ostaggio di torme di stranieri che giornalmente devono farsi la spesa. Anche questo sarebbe un indice più che evidente dell’aumento indiscriminato di ospiti affamati e quindi NON residenti in strutture “a servizio globale”. Questa stessa domanda di consumi non fa altro che spingere a favore dei minimarket, dove il “di tutto un po’” può essere risolutivo. Idem per camion bar, cibo da asporto, pizza al trancio e acqua bella gelata venduta illegalmente per strada. Tutte queste piccole cose sono indici talmente chiari che non servono indagini particolari e lungaggini burocratiche.

Un suggerimento, anzi due: primo mettiamo uno o più zeri a questa multa buffona e portiamola da 50 a 500 o 5.000Euro, secondo: DENUNCIAMO chi trasgredisce in modo reiterato e pericoloso.
Federalberghi Roma a tal proposito ha messo a disposizione un sito web per segnalare, in forma anonima, le attività sospette in modo da avviare eventuali verifiche. “È sufficiente andare sul sito www.turismoillegale.com e compilare il form senza bisogno di nessuna registrazione.

Ma andiamo oltre con le provocazioni e chiediamo di poter segnare (come per le buche) le case “fuori legge”. Sembra una cosa orrenda e già vista tanto tempo fa ma, qui ne va della nostra sicurezza e serenità, del decoro della nostra Città e del danno di cui romani e comune si vedono caricati. Magari scegliendo un colore diverso dal giallo!!

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna