Trasporti: nel 2021 boom di nuovi mezzi pubblici a Roma e nel Lazio

Ma ibrido ed elettrico restano sotto l'1%. La capitale registra una crescita vertiginosa del 222,6 per cento (984 unità, 679 mezzi in più rispetto al 2020) mentre il Lazio immatricola 707 nuovi veicoli, registrando un’impennata del +178,5 per cento.

Il comparto dei mezzi pesanti per il trasporto merci in Italia ha chiuso il 2021 con 24.168 immatricolazioni, in crescita rispetto al 2020 del 23,2 per cento. La Regione Lazio segna un aumento del 5,7 per cento immatricolando 82 mezzi. In controtendenza Roma registra un lieve calo dell’1,3 per cento con 13 nuovi mezzi in meno. È sui veicoli per il trasporto pubblico che però la capitale registra una crescita vertiginosa del 222,6 per cento (984 unità, 679 mezzi in più rispetto al 2020). Il settore nazionale del trasporto persone mostra un importante segnale di crescita, con 4.091 mezzi immatricolati nel 2021 a fronte dei 3.404 del 2020 (+20,2 per cento). Il Lazio, in questo contesto, immatricola 707 nuovi veicoli registrando un’impennata del +178,5 per cento. È quanto emerge dal secondo Osservatorio Continental sui macro-trend del trasporto pesante .

Nella capitale oltre l’1 per cento del parco mezzi è ibrido. Nel 2021 in Italia il parco circolante di autocarri merci ha raggiunto le 4.290.042 unità. A livello di alimentazione, la situazione nazionale rimane pressoché invariata rispetto al 2020 con una netta predominanza del gasolio. Si nota una crescita, seppur timida, delle alimentazioni alternative. Nel Lazio l’elettrico tocca lo 0,3 per cento e l’ibrido lo 0,5 per cento. La percentuale di autocarri alimentati a gasolio rimane preponderante (90,8 per cento del parco). Roma migliora la percentuale regionale registrando lo 0,4 per cento di autocarri elettrici, mentre gli ibridi rimangono stabili allo 0,5 per cento. I mezzi a gasolio toccano l’89,2 per cento.

Il parco autobus nel nostro Paese registra invece, nel 2021, 100.199 unità. Anche in questo contesto, dal punto di vista dell’alimentazione, il panorama è stabile rispetto al 2020, sebbene con qualche piccolo segnale di miglioramento: la maggioranza dei mezzi in circolazione rimangono a gasolio, mentre le quote di elettrico e ibrido crescono ma non superano l’1 per cento. Nel Lazio l’ibrido sfiora l’1 per cento e l’elettrico arriva allo 0,6 per cento. Il gasolio rimane al 90,8 per cento e il metano supera il 6 per cento. A Roma l’elettrico sale rispetto alla media regionale e arriva allo 0,8 per cento e gli ibridi raggiungono la quota più elevata della regione con l’1,2 per cento. Il gasolio rappresenta l’89,4 per cento del parco circolante mentre si registra un altro primato, questa volta per il metano (7,6 per cento).

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna