Via Margutta perde nuovamente il suo albero di fico

Nella giornata mondiale degli alberi Via Margutta vede portare via il suo storico simbolo

 

 

Proprio nella giornata mondiale degli alberi nella storica Via Margutta – in pieno centro storico a Roma – è stato tranciato di netto lo storico albero di fico.

Storico simbolo della via dell’Arte.

Durante la mattinata di giovedì 21 novembre, un camion di passaggio per la strada lo ha urtato, piegandolo un po’ ma senza sradicare totalmente l’albero. I residenti e i cittadini, preoccupati che l’albero potesse cadere procurando danni, hanno immediatamente segnalato l’incidente alla Polizia Municipale che, successivamente, ha allertato i vigili del fuoco. Con poca cura, hanno optato per una potatura estrema lasciando il fico letteralmente decapitato, tra le proteste di qualche commerciante e l’incredulità per l’abbattimento precipitoso di uno dei simboli della via.

Una storia che si ripete: nel 2008 Via Margutta aveva già perso il suo storico albero di fico, distrutto proprio da un camion di passaggio. Lo spirito dei marguttiani però, lo aveva rimesso in piedi grazie al reimpianto di Enrico Todi, storico gallerista della “Galleria Vittoria”, assieme alla supervisione del servizio giardini di Roma.

I “marguttiani” sono sempre stati attivi nel difendere la storica via dell’arte e tutto quello che la caratterizza: negli anni si sono a lungo battuti sul rispetto dell’area pedonale, che viene puntualmente infranto dalle macchine parcheggiate che di fatto tolgono spazio al transito dei veicoli.

Per Via Margutta è un duro colpo perdere nuovamente uno dei suoi simboli, più volte celebrato lungo la strada con più di una targa sotto le sue fronde, dove poeti e scrittori gli hanno dedicato diversi versi.

Al fico è stato dedicato un premio “Il Meglio fico del bigonzo Marguttiano” che, negli anni, ha visto premiare, tra gli altri il regista Luigi Magni, l’attore Gigi Proietti, il calciatore Philippe Mexes, il Senatore a Vita Giulio Andreotti, il cantante Little Tony, l’attore Enrico Montesano, il comico Maurizio Battista, il cantante Luca Barbarossa e il paparazzo Rino Barillari, e il comico Alessandro Di Carlo. Personalità tra loro diverse per età e professione, ma tutte legate a Roma da un amore sincero, che hanno contribuito con la loro attività a dare lustro alla nostra città.

Con l’attivismo e la passione dei residenti e dei commerciati di Via Margutta, siamo certi che un altro albero sarà reimpiantato presto: quello che invece è auspicabile è che Roma riconosca i suoi punti storici e importanti, imparando dai marguttiani a valorizzarli e proteggerli, invece di risolvere tranciando di netto quello che era il simbolo di una delle vie più belle della città.

(Donatella Liuzzi per Galleria Vittoria)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna